Grey’s Anatomy celebra 15 anni dal debutto perdendo un altro personaggio storico?

Un altro personaggio storico morirà in Grey's Anatomy 16 proprio mentre la serie compie 15 anni dal suo debutto in tv?

77
CONDIVISIONI

Grey’s Anatomy festeggia 15 anni di messa in onda: tanti ne sono passati dal debutto del medical drama di Shonda Rhimes, che fece capolino il 27 marzo 2005 su ABC negli Stati Uniti (nel settembre successivo in Italia) come riempitivo del palinsesto di metà stagione, conquistando subito un inatteso seguito di pubblico che ne fece presto uno dei programmi di punta della prima serata della rete.

Grey’s Anatomy – insieme a Lost e Desperate Housewives – è stato uno dei titoli capaci di risollevare ABC da una crisi di ascolti che si protraeva da tempo ed è diventata rapidamente il più visto tra gli show di prima serata. Non a caso, nonostante le successive flessioni nel corso degli anni, ABC l’ha rinnovata fino alla prossima stagione, la diciassettesima, che potrebbe essere l’ultima. Un riscontro granitico che ha stupito la stessa creatrice Shonda Rhimes, inizialmente convinta che il suo spettacolo non avrebbe superato la prima stagione.

A segnare la lunga storia di Grey’s Anatomy, diventato il medical drama più duraturo di sempre dopo aver superato con oltre 350 puntate anche il detentore del precedente record E.R. – Medici in Prima Linea, sono stati casi medici improbabili, specializzandi ambiziosi, relazioni d’amore struggenti, fugaci e numerose storie di letto, incidenti, calamità naturali, morti e addii (tanti, soprattutto negli ultimi sei anni).

E proprio nel suo 15° anno di età, dopo aver perso un volto della prima ora come Justin Chambers con l’uscita di scena di Alex Karev, Grey’s Anatomy rischia di dire addio ad un altro personaggio storico, uno dei tre rimasti del cast originale della prima stagione.

L’episodio 16×19 trasmesso da ABC il 26 marzo, oltre ad introdurre un filone amoroso omosessuale dal passato, fa temere per la sorte di Richard Webber (James Pickens Jr., l’unico insieme a Ellen Pompeo e Chandra Wilson presente nella serie sin dal primo episodio).

Durante un convegno medico a Los Angeles, chiamato a presentare la sua penna per la diagnosi del cancro, Webber ha dato chiari segni di malessere, fino ad essere ricoverato d’urgenza per un potenziale ictus in corso. Il tutto sotto gli occhi della figlia Maggie, dei colleghi Teddy e Hayes presenti al convegno, e di tutti i medici del Grey Sloan che assistevano in streaming da Seattle. L’episodio ha anche rivelato che Webber ha iniziato a soffrire di allucinazioni dopo il divorzio da Catherine. Nei precedenti episodi aveva accusato tremori alle mani, facendo temere che avesse il morbo di Parkinson. Ora la degenerazione delle sue condizioni fa addirittura ipotizzare che il personaggio possa morire nel corso di questa stagione.

Il promo dell’episodio 16×20 mostra Webber ancora vivo ma ricoverato al Grey Sloan Memorial Hospital, dove tutti i medici, dalla figlia Maggie all’ex moglie Catherine passando per la sua allieva prediletta Miranda Bailey fino alla protagonista Meredith Grey, sono impegnati realizzare una diagnosi della sua patologia per salvargli la vita.

Ecco la trama e le immagini promozionali del prossimo episodio, dal titolo Sing It Again.

Owen e Link trattano una donna anziana che si risveglia dall’intervento e non riesce a smettere di cantare, mentre Teddy aiuta Koracick a rimanere a galla dopo che una persona cara ma lontana del suo passato arriva in ospedale in cerca di aiuto. Meredith, Bailey e Maggie concentrano i loro sforzi su un paziente difficile con una diagnosi difficile.

L’episodio sarà il penultimo della stagione, visto che l’emergenza Coronavirus ha fermato le riprese della serie come di tutte le altre produzioni televisive. ABC ha confermato che a causa della pandemia il set non riaprirà prima della fine della stagione e l’ultimo episodio girato, il ventunesimo, sarà forzatamente il finale di Grey’s Anatomy 16, che avrebbe dovuto concludersi a maggio con 25 episodi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.