Le 5 migliori serie tv simili a Desperate Housewives, da Devious Maids a Why Women Kill

La nostalgia delle casalinghe di Wisteria Lane si fa sentire? Ci sono due soluzioni: darsi a un rewatch compulsivo o dare una chance ad alcune di queste alternative

1
CONDIVISIONI

La premessa è d’obbligo: le casalinghe di Wisteria Lane hanno lasciato un vuoto incolmabile nel nostro cuore e non ci sogneremmo mai di rimpiazzarle coi primi che capitano. Eppure avvertiamo il bisogno di immedesimarci nella quotidianità altrui, ficcanasare fra i sordidi segreti di vite apparentemente normali, giustificare o condannare i comportamenti e le relazioni più improbabili fra uomini e donne di ogni tipo. Per farlo non possiamo che andare alla ricerca delle migliori serie tv simili a Desperate Housewives. Non potranno certo contare sull’irripetibile intesa tragicomica fra Susan, Lynette, Bree e Gabrielle, ma sazieranno comunque la nostra sete di intrighi, colpi di scena e risate a denti stretti.

Devious Maids – Panni Sporchi a Beverly Hills

Parlare di serie tv simili a Desperate Housewives porta con sé l’inevitabile menzione di Devious Maids. Concepita da Eva Longoria e Marc Cherry – sì, proprio lui, il creatore e showrunner della stessa Desperate Housewives –, la serie è una black comedy condita da elementi drammatici e satirici e pervasa da una forte atmosfera soap. La trama ruota attorno alle vite di un gruppo di domestiche latine – Rosie, Carmen e Zoila –, impiegate nelle case dei ricchi di Beverly Hills e sempre pronte a riunirsi per discutere delle proprie vite e spettegolare su quelle dei datori di lavoro. La loro routine viene scossa dalla morte della collega Flora e dall’arrivo di Marisol, una nuova domestica disposta a tutto per arrivare al fondo di un oscuro mistero.

Pur non avendo mai raggiunto le vette di popolarità di Desperate Housewives, Devious Maids è la serie perfetta per placare la nostalgia delle casalinghe di Wisteria Lane. Può contare su un gruppo di protagoniste affiatate, un susseguirsi di misteri apparentemente irrisolvibili, uno homour arguto ma stemperato da episodi melodrammatici che riempiono le vite personali delle domestiche e dei ricconi per cui lavorano. Insomma, un cocktail irresistibile per una serie in stile Desperate Housewives.

Il cast comprende Ana Ortiz, Dania Ramirez, Roselyn Sanchez, Judy Reyes, Edy Ganem, Rebecca Wisocky, Tom Irwin, Susan Lucci, Drew Van Acker, Grant Show.

Le quattro stagioni di Devious Maids sono disponibili su Prime Video. Per avere accesso alla piattaforma streaming di Amazon basta abbonarsi o approfittare della prova gratuita cliccando qui.

Devious Maids: Complete First Season (3 Dvd) [Edizione: Stati Uniti]
  • Abc Studios (03/18/2014)
  • Ana Ortiz, Dania Ramirez, Roselyn Sanchez, Judy Reyes, Rebecca Wisocky

Big Little Lies – Piccole Grandi Bugie

Si può davvero includere Big Little Lies in una lista di serie tv simili a Desperate Housewives? Sì, se osserviamo bene i tratti che le accomunano. In entrambi i casi notiamo anzitutto l’ambientazione in ricchi quartieri residenziali e la presenza di un gruppo di protagoniste caratterialmente molto diverse, eppure raccolte attorno a un nucleo di misteri e bugie. Tanto le casalinghe di Wisteria Lane quanto le cinque di Monterey, poi, si vedono costrette a difendere la propria vita da guai giudiziari e attacchi più o meno velati da parte di presunti amici e conoscenti. Certo, il tono delle due serie resta profondamente diverso. Desperate Housewives è sorretta dall’ironia – e in alcuni casi dall’aperta comicità – di ciascuna delle sue interpreti, mentre Big Little Lies è pervasa da un’atmosfera più carica di dubbio, sofferenza, vero e proprio dolore. Ed è amara persino la gloriosa ironia di Laura Dern e della sua Renata.

Inoltre, come molte delle serie tv simili a Desperate Housewives, anche Big Little Lies coglie molti spunti narrativi dal tema dell’omicidio e dal susseguirsi di incombenze nella vita quotidiana. Sono questi fattori a influenzare i rapporti fra Celeste, Jane, Madeline, Bonnie e Renata – e nella seconda stagione anche Mary Louise, l’ambigua new entry col volto di Meryl Streep –, mamme di Monterey dai caratteri talvolta incompatibili, ma come detto legate da drammi più grandi di loro. Su questo sfondo si agitano quelle vite, diluite da privilegi di classe, incomprensioni relazionali, storie di abusi e violenza e un fondo di incrollabile speranza.

Nel pluripremiato cast della serie figurano Reese Witherspoon, Nicole Kidman, Shailene Woodley, Alexander Skarsgard, Adam Scott, Zoe Kravitz, James Tupper, Jeffrey Nordling, Laura Dern, Kathryn Newton, Iain Armitage e Meryl Streep.

Le due stagioni di Big Little Lies sono disponibili on domand su NOW TV.

Offerta
Piccole grandi bugie
  • Liane Moriarty
  • Editore: Mondadori

Ugly Betty

Prima dello streaming compulsivo c’è stata l’attesa paziente della messa in onda settimanale sui canali analogici. Proprio in quegli anni, tra il 2006 e il 2010, si è avviata e conclusa con grande successo Ugly Betty, remake della telenovela colombiana Yo Soy Betty, la Fea. Le vicende al centro della storia sono quelle di Betty Suarez, giovane di origine messicana che nonostante l’aspetto anonimo e uno stile un po’ sciatto riesce a trovare lavoro nel mondo della moda, diventando l’assistente personale di Daniel Meade, editore della rivista MODE. Il motivo? Il padre di Daniel è convinto che il giovane abbia bisogno di una segretaria non attraente per evitare di averci una relazione.

Com’è facile intuire, la vita di Betty sul lavoro è un’inestinguibile fonte di difficoltà, fra la perfidia dei colleghi e i suoi personalissimi limiti. Perché inserirla in un elenco di serie tv simili a Desperate Housewives? Perché anche Ugly Betty può contare su una protagonista femminile forte, a suo modo anticonformista, circondata da un piccolo gruppo di amici fedeli pronti ad affrontare con lei le beghe della vita quotidiana. Senza dimenticare l’immancabile mistero svelato nel corso della serie.

Ugly Betty è stata un formidabile trampolino di lancio per la carriera della protagonista, America Ferrera. Al suo fianco parecchi volti noti della tv, tra i quali Vanessa Williams – la Renée di Desperate Housewives –, Eric Mabius, Tony Plana, Ana Ortiz, Ashley Jensen, Becki Newton, Michael Urie, Judith Light, Mark Indelicato, Kevin Sussman, ALan Dale, Rebecca Romijn, Christopher Gorham, Daniel Eric Gold.

Ugly Betty: The Complete Collection (4 Dvd) [Edizione: Regno Unito]...
  • Walt Disney (03/28/2011)
  • DVD, Adatto dai 12 anni in su

Pretty Little Liars

Sì, parliamo di personaggi in una fascia d’età diversa, di un target di riferimento diverso e anche di un genere diverso, eppure Pretty Little Liars può essere un buono spunto per quanti siano alla ricerca di serie tv simili a Desperate Housewives. Ispirato all’omonima collana di libri scritti da Sarah Shepard, questo teen drama di enorme successo articola in sette stagioni le storie di Hanna, Emily, Aria, Spencer e Alison. Le loro vite vengono sconvolte dalla misteriosa scomparsa di quest’ultima, un po’ il collante dell’intero gruppo, che in effetti in sua assenza si sfalda inesorabilmente. A distanza di un anno le quattro protagoniste rimanenti iniziano a ricevere degli strani sms contenenti segreti che pensavano di aver rivelato solo ad Alison. Destabilizzate dall’inquietante mistero, provano quindi a scoprire chi sia l’oscuro mittente di quei messaggi.

Le somiglianze fra Desperate Housewives e Pretty Little Liars richiamano caratteristiche già riscontrate in altre serie tv. Anche in questo caso si sfrutta ad esempio l’espediente dell’omicidio come motore narrativo. Inoltre le protagoniste sono un gruppo di giovani donne dai rapporti ricchi di sfaccettature, talvolta incompatibili eppure unite dal bisogno di dipanare la matassa di un mistero. E infine l’ambientazione, riflesso di ricchezza e privilegio anche in Pretty Little Liars.

Il successo della serie ha dato slancio alla popolarità delle sue giovani star, fra le quali Ashley Benson, Shay Mitchell, Troian Bellisario, Lucy Hale, Sasha Pieterse.

Le sette stagioni di Pretty Little Liars sono disponibili in streaming su Netflix.

Pretty Little Liars s1 - s7 Exclusiva Amazon (36 DVD)
  • WARNER BROS (07/16/2018)
  • Lucy Hale, Troian Bellisario

Why Women Kill

Non può che essere Why Women Kill a chiudere la nostra lista delle migliori serie tv simili a Desperate Housewives. E non solo perché questa freschissima miniserie ora in onda su The CW è frutto del genio creativo di Marc Cherry, ma anche perché è la palese manifestazione della sua nostalgia per l’intrigante microcosmo di Fairview. Come abbiamo già rilevato dopo aver visto il pilot, infatti, Why Women Kill riprende molti dei tipi umani e degli espedienti narrativi osservati e amati in Desperate Housewives. Le protagoniste sono tre donne vissute in decenni diversi: Beth Ann è una casalinga degli anni ’60, devota e impeccabile coi suoi capelli rossi in pieno stile Bree Van De Kamp. Simone è una splendida mantenuta amante del lusso e della bella vita negli anni ’80, solo in apparenza superficiale ma molto incline alle relazioni extraconiugali, un po’ come Gabrielle Solis. E infine Taylor, donna bisessuale e femminista in un matrimonio aperto del 2019, unico vero tentativo della serie di emanciparsi dalla capostipite.

Come nei titoli precedenti, anche in Why Women Kill l’omicidio assume un ruolo centrale. Qui sono i mariti delle tre donne a morire, e l’obiettivo è capire come e perché seguendone fatti e misfatti nel corso degli episodi. Naturalmente le protagoniste non possono interagire: a collegarle è il fatto di vivere nella stessa grande casa, seppur in decenni diversi.

Anche quest’ultima serie tv, pur essendo simile a Desperate Housewives, non può ambire alla grandezza del gioiello che l’ha ispirata. Ciò che la nobilita è uno splendido cast composto da Lucy Liu, Ginnifer Goodwin, Kirby Howell-Baptiste, Alexandra Daddario, Sam Jaeger, Sadie Calvano, Jack Davenport e Reid Scott, oltre a un universo visivo straordinariamente curato e costumi perfettamente in linea con le mode del tempo.

Le serie tv simili a Desperate Housewives non sono Desperate Housewives? La soluzione c’è: un rewatch intensivo su Prime Video. Basta cliccare qui per abbonarsi alla piattaforma o avviare il periodo di prova gratuito. E se c’è bisogno di un’ultima spinta, riscopriamo i motivi per cui recuperarla.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.