Le Ragazze del Centralino 5 su Netflix da febbraio 2020, l’ultima stagione divisa in due parti

Annunciata l'uscita de Le Ragazze del Centralino 5 da febbraio 2020: sarà l'ultima stagione della serie, divisa da Netflix in due parti

173
CONDIVISIONI

Le Ragazze del Centralino 5 arriva su Netflix a febbraio 2020, ma solo con la prima parte di quella che sarà la stagione conclusiva della saga delle centraliniste della Compagnia dei Telefoni di Madrid degli anni Trenta.

Netflix ha fissato l’uscita de Le Ragazze del Centralino 5 per il 14 febbraio 2020 e ha confermato a sorpresa la chiusura della serie con la prossima stagione (sembrava invece già ufficiale il ritorno per una sesta).

Non ci saranno altri rinnovi per Le Ragazze del Centralino, che vivranno l’epilogo delle loro vicende amorose, giudiziarie e di battaglie civili nello scenario della Guerra Civile spagnola.

Della quinta stagione, attualmente in fase di riprese, si sa infatti che sarà ambientata negli anni dello scontro interno tra i nazionalisti e i repubblicani a seguito del colpo di stato militare promosso da Emilio Mola, un conflitto sanguinario combattuto tra il 1936 e il 1939 che sarebbe sfociato nell’instaurazione della cosiddetta dittatura franchista, il regime nazionalista di destra del caudillo Francisco Franco.

La quarta stagione della serie si è conclusa – dopo la tragica morte di Angeles (Maggie Civantos) – con l’allontanamento dalla Spagna di Lidia (Blanca Suárez), Marga (Nadia de Santiago), Carlota e Sara (Ana Fernández e Ana Polvorosa) dopo che il gruppo ha favorito l’evasione dal carcere di quest’ultima per salvarla dalla pena di morte per un delitto mai commesso. A riportarle a Madrid cinque anni dopo, in piena guerra civile, sarà la figlia adolescente di Angeles che avrà bisogno del loro aiuto, come annunciato da Lidia nell’ultima scena della stagione lanciando il cliffhanger verso la successiva.

Come per altre serie giunte al capolinea – vedi Bojack Horseman che si conclude con la sesta stagione – anche l’ultimo capitolo de Le Ragazze del Centralino sarà distribuito in due parti: se la prima arriva online nel giorno di San Valentino, la seconda non ha ancora una data d’uscita, ma arriverà nel corso del 2020.

Questo addio non sarà semplice” assicura il primo teaser della nuova stagione pubblicato da Netflix insieme all’annuncio della data d’uscita della prima parte di stagione, una clip di pochi secondi che mostra la protagonista Lidia/Alba mentre avanza a mani alzate di fronte ad una evidente (ma non visibile) minaccia.

Di recente la protagonista Blanca Suarez aveva parlato di un ulteriore rinnovo de Le Ragazze del Centralino per una sesta stagione, ma evidentemente si riferiva al fatto che la nuova stagione è divisa in due parti, che andrebbero a costituire di fatto quinto e sesto capitolo del racconto (non è chiaro quanti episodi compongano ciascuno di essi).

Le Ragazze del Centralino 5 potrà contare su diverse new entry nel cast già annunciate in questi mesi, per far fronte tanto alla mancanza di Maggie Civantos (ora impegnata sul set dello spin-off della saga carceraria di Fox Vis a Vis, El Oasis) quanto alla trama ambientata cinque anni dopo i fatti del finale della quarta stagione e in un contesto impegnativo come quello della guerra civile.

Prima serie originale spagnola di Netflix, che ha aperto la strada a molti investimenti nel mercato dell’audiovisivo iberico fino all’apertura di un centro di produzione della società a Madrid, Le Ragazze del Centralino è stato un buon period drama al femminile per le due prime stagioni, trasformandosi in una soap opera vintage nelle ultime due, ma l’ambientazione in un periodo drammatico come quello della guerra civile potrebbe riportare la trama a privilegiare temi come i diritti civili, in particolare quelli delle minoranze, delle donne e delle persone LGBTQ, in una Spagna che va incontro all’instaurazione di uno dei regimi più illiberali e antidemocratici della storia d’Europa. L’appuntamento col debutto della stagione finale è per il 14 febbraio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.