Prima di Google il Samsung Galaxy Note 9: patch di dicembre rilasciata

La patch di dicembre 2019 anche per il Samsung Galaxy Note 9, a partire dalla Germania

Il Samsung Galaxy Note 9 non è da meno ai Samsung Galaxy Note 8 e Note 10, che hanno entrambi già ricevuto l’aggiornamento di sicurezza di dicembre 2019, battendo sul tempo perfino i Google Pixel (che teoricamente, come del resto spessissimo è stato, vantano una corsia preferenziale in tal senso). Come riportato da ‘9to5google‘, vanno fatti i complimenti al colosso di Seul, che ha notevolmente migliorato la velocità di rilascio degli aggiornamenti di sicurezza. L’aggiornamento OTA è in fase di rilascio in oltre 25 mercati europei, sia per il Samsung Galaxy Note 9 che per il Note 10.

Come riportato in questo nostro articolo di stamane, la serie firmware di riferimento per i Note 10 corrisponde alla N97*FXXS1ASKB, che diventa N960FXXS4CSK2 nel caso del Samsung Galaxy Note 9, in partenza dalla Germania. Per quanto riguarda il Note 8, vecchio ormai di due anni, dobbiamo purtroppo darvi anche una cattiva notizia: il dispositivo, proprio come nel caso dei Galaxy S8, non riceverà Android 10 con One UI 2.0. Non ci sono speranze per il Samsung Galaxy Note 8, né tanto meno per i Galaxy S8 (appartengono alla stessa annata, ed è quindi logico ragionare per entrambi al medesimo modo): nessuno dei due accoglierà mai l’ultima major-release dell’OS mobile di Google. Ci dispiace avervi dovuto dare questa notizia, ma non potevamo proprio fare altrimenti (le cose non cambieranno con il passare del tempo).

Il discorso è completamente diverso per il Samsung Galaxy Note 9, per il quale è stata già messa a disposizione la beta di Android 10 con One UI 2.0. Per il momento non è possibile fare altro che accontentarsi della patch di sicurezza di dicembre 2019, specie considerando il fatto di aver bruciato sul tempo perfino Google. Se avete domande da farci non esitate ad utilizzare il box dei commenti in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.