Chateau (Feel Alright) è il nuovo singolo di Joe Keery di Stranger Things (audio, testo e traduzione)

Il progetto Djo si colloca tra gli scaffali del pop psichedelico

1
CONDIVISIONI

Nella libreria musicale di Joe Keery di Stranger Things, senza dubbio, non mancano i Radiohead, gli Oasis, gli Air, i Pink Floyd, i King Crimson e tanto meno i Beatles, se consideriamo che per la seconda volta – avevamo avuto un’anticipazione con il singolo Roddy – ci ritroviamo con un brano dalle sfumature oniriche, disegnato su un’impalcatura dal beat lento che ci fa riscoprire il pop più astratto e tanto caro a chi un giorno inventò lo space rock.

Oggi Joe Keery di Stranger Things ritCorna con un assaggio del suo nuovo progetto musicale, Djo, il secondo dopo i Post Animal. Joe Keery, ricordiamo, è noto al piccolo schermo per la sua interpretazione di Steve Harrington nella fortunata serie dei fratelli Duffer, che da poco hanno lanciato la terza stagione e a breve daranno il via ai lavori per i nuovi episodi.

Il cast di Stranger Things non è nuovo al mondo della musica: Gaten Matarazzo (Dustin Henderson), recentemente, ha lanciato i primi due singoli del suo progetto Work In Progress e possiamo sentire la sua voce nel brano Dream EaterFinn Wolfhard (Mike Wheeler) milita nei Calpurnia e negli ultimi mesi ha partecipato al video di Take On Me, la cover che i Weezer hanno eseguito su un pezzo degli A-ha.

Chateau (Feel Alright) si apre con un arpeggio di chitarra alterato – in maniera quasi disturbante – dall’effetto flanger, per poi accogliere una batteria dal suono secco, quasi evocativo del sound asettico delle percussioni degli anni ’70. La voce di Joe – il cui nome è lo stesso del progetto “Djo”, con la stessa pronuncia ma una diversa grafia – è quasi sussurrata e disimpegnata, sovraincisa per creare una linea melodica più intensa e sognante, ipnotica quanto basta per collocarsi tra gli scaffali della psichedelia.

Testo di Chateau (Feel Alright) di Djo, il progetto solista di Joe Keery di Stranger Things

Help, something’s wrong with me
Homesick for LA
In the summer of my life
That’s when we first met
Through a friend
Something about you makes me feel like I can
Was it a dream or is it all in the past?
I just thought I’d ask

So I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright
I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright

The roof in the rain
It’s true
I could feel the pain
Of my head, seeing stars
You said “Come to ours”
So I did
It’s a decision that I’m glad that I made
I’m still uncertain that it happened at all
I just can’t recall

So I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright
I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright

I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright
I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright

So I turn back the time
I’m at the chateau and I feel alright
So I turn back the time
I’m at the chateau and I feel

TRADUZIONE

Aiuto, ho qualcosa che non va.
Ho nostalgia di Los Angeles
nell’estate della mia vita
dal momento in cui ci siamo incontrati
grazie a un amico.
Qualcosa di te mi fa sentire come se
fossi in un sogno, o è tutto passato?
Pensavo che te l’avrei chiesto.

Dunque riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.
Riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.

Il tetto sotto la pioggia
è reale
potevo sentire il dolore
della mia testa, osservando le stelle
mi dicesti: “Vieni sulla nostra”,
e l’ho fatto.
Sono felice di aver preso quella decisione.
Ancora non sono sicuro che sia successo,
non riesco a ricordare.

Dunque riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.
Riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.

Dunque riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.
Riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.

Dunque riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento bene.
Riavvolgo il tempo,
sono nella casa e mi sento.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.