Casting di X Factor 2016 al via, date ufficiali a Milano e Roma dal 30 aprile: come partecipare

Partono i casting per gli aspiranti concorrenti di X Factor 2016: ecco le date a Milano e Roma dal 30 aprile

8
CONDIVISIONI

Anche quest’anno è arrivato il momento per gli aspiranti concorrenti di X Factor 2016 di presentarsi alle prime selezioni ufficiali in vista della prossima edizione: la produzione del talent show ha appena ufficializzato le date dei casting che si terranno a Roma e Milano.

Sei appuntamenti in totale per coloro che si sono iscritti attraverso il sito web del programma e sono stati selezionati per i casting, anche stavolta mirati ad individuare artisti che potranno rientrare nelle categorie Under uomini, Under donne, Over 25 e Gruppi.

Gli aspiranti concorrenti saranno convocati dalla redazione (con tutte le informazioni specifiche del caso) per le date del 30 aprile, 1 e 2 maggio a Roma, mentre le date dei casting a Milano sono quelle del 14, 15 e 16 maggio.

La prima fase di ascolto e selezione dei talenti non sarà, come di consueto, aperta al pubblico.

Restano aperte le iscrizioni online sul sito di X Factor: possono presentare una candidatura coloro che hanno compiuto 16 anni, compilando il modulo presente al link ‪xfactor.sky.it/casting o chiamando il numero ‪0423 402300. Per le band, che dallo scorso anno sono ammesse a partecipare allo show, è obbligatoria la registrazione sul sito.

Intanto si lavora alla formazione della nuova giuria, che dovrebbe prevedere delle new entry rispetto allo scorso anno quando ad animare lo show sono stati Mika, Fedez, Skin degli Skunk Anansie ed Elio.

Le ultime indiscrezioni, riportate dal settimanale Oggi, danno Gianna Nannini ad un passo dalla firma di un contratto milionario con Fremantle e Sky per sedere come giudice e coach al tavolo della giuria. Dovrebbero essere confermati invece sia Mika, presto in concerto in Italia, che Fedez, attualmente in procinto di lanciare un duetto col socio di Newtopia J-Ax.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.