Procedono bene i lavori per il Multi Device su WhatsApp: aggiornamento più vicino

Anche in Italia presto toccheremo con mano un rilascio cruciale per lo sviluppo dell'applicazione

WhatsApp

Stanno arrivando interessanti riscontri dal mondo WhatsApp in queste ore, considerando il fatto che a stretto giro potrebbe esserci un aggiornamento cruciale per la nota app di messaggistica. Sto parlando del supporto al Multi Device, di cui vi abbiamo reso conto ad inizio maggio con alcune indiscrezioni raccolte a suo tempo sul web. Si tratta dunque di un rilascio in programma nei prossimi mesi che potrebbe fare effettivamente la differenza per tutti coloro che sono abituati ad utilizzare l’applicazione in vari contesti.

Cosa otterremo con il prossimo grande aggiornamento di WhatsApp

Ancora una volta, tutte le anticipazioni del caso ci arrivano direttamente da WABetaInfo, con la funzione tanto attesa dagli utenti WhatsApp che vede ufficialmente avviata la fase test. Uno dei massimi esperti al mondo per quanto concerne questa particolare applicazione, infatti, ci ha annunciato ufficialmente che in queste ore WhatsApp ha avviato internamente alcuni importanti test per la funzionalità multi dispositivo. Inutile dire che la funzione non sia ancora disponibile, così come risulti mancante una data di rilascio.

Difficile prevedere quando tutti noi potremo toccare con mano il supporto multi device in versione stabile e definitiva. WhatsApp sarà utilizzabile attraverso due sessioni e, contemporaneamente, su due terminali differenti senza alcun tipo di vincolo. Sempre secondo WABetaInfo, l’appuntamento con l’aggiornamento in questione potrebbe essere fissato nei prossimi due mesi. Non si esclude, però, un prolungamento dell’attesa arrivando a quattro o sei mesi. Secondo Tech Attualissimo, è probabile che nel giro di novanta giorni si riesca a fare questo step.

A prescindere da queste considerazioni, resta il fatto che le notizie odierne su WhatsApp siano estremamente interessanti. A detta di WABetaInfo, infatti, è davvero positivo che i tecnici abbiano iniziato a testarlo nel complesso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.