Lady Gaga per il Coronavirus, 35 milioni già raccolti e un evento tv all star con Andrea Bocelli ed altri

L'impegno concreto di Lady Gaga per il Coronavirus, con Global Citizen la popstar ha raccolto 35 milioni di dollari e continuerà a farlo con uno speciale tv

424
CONDIVISIONI

Come aveva anticipato lo scorso marzo, ora è tempo di occuparsi dell’emergenza sanitaria in corso. Così, dopo aver rinviato a data da destinarsi l’uscita del nuovo album di inediti Chromatica, Lady Gaga ha iniziato una collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità per raccogliere fondi a sostegno degli ospedali travolti dall’emergenza e aiutare le persone colpite dal Coronavirus.

Lady Gaga per l’OMS

La popstar premio Grammy ed Oscar, ora in isolamento con i suoi cani e il suo nuovo compagno nella casa di New York, ha sfruttato queste settimane di quarantena per mettersi al lavoro su una raccolta fondi imponente. E i risultati si sono già visti.

Come ha annunciato durante un discorso alla conferenza stampa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità tenuto lunedì mattina, Lady Gaga ha collaborato con Global Citizen, la fondazione senza scopo di lucro che si batte contro la povertà estrema nel mondo, per raccogliere risorse da destinare al Fondo di solidarietà COVID-19 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il risultato del suo impegno è stato di 35 milioni di dollari raccolti in sette giorni.

35 milioni di dollari raccolti da Lady Gaga

Lady Gaga ha realizzato l’obiettivo con l’aiuto di aziende del settore della tecnologia e dell’informatica, grandi corporazioni aziendali e filantropi che da tutto il mondo si sono uniti in quella che Gaga ha definito una “lista della gentilezza aziendale“. I soldi raccolti serviranno ad acquistare dispositivi di protezione sanitaria, materiali di consumo e kit per i tamponi, oltre a sostenere la ricerca sul virus e ad aiutare i laboratori ad effettuare i test sui malati o potenziali tali in modo più celere.

Siamo tutti molto grati a tutti gli operatori sanitari in tutto il paese e in tutto il mondo che sono in prima linea contro il COVID-19. Questa pandemia globale è una catastrofe. Sono davvero grata a loro e prego per tutti quanti sono malati. Vorrei anche inviare le mie preghiere a coloro che stanno perdendo il lavoro e hanno difficoltà a nutrire se stessi e i propri figli. Per questo stiamo raccogliendo fondi per il Fondo di solidarietà COVID-19 dell’Organizzazione mondiale della Sanità.

One World: Together at Home

Ma non è tutto. La raccolta fondi continuerà anche con un evento musicale speciale, dedicato agli operatori sanitari e al loro sforzo eroico in questo momento storico. Intitolato One World: Together at Home, l’evento televisivo racconterà esperienze reali di medici, infermieri e famiglie alle prese col Coronavirus in tutto il mondo.

Presentato dai conduttori di alcuni dei più famosi talk show americani, Jimmy FallonJimmy Kimmel e Stephen Colbert, lo speciale di Lady Gaga ospiterà interventi – ovviamente dalle rispettive case – di David BeckhamChris Martin dei Coldplay, l’attore Idris Elba che è stato colpito dal virus, l’ex protagonista di Scandal Kerry Washington, il leggendario Paul McCartney, il nostro Andrea Bocelli. E ancora, Stevie Wonder, Alanis Morissette, Billie Eilish, Elton John, John Legend, Kacey Musgraves, John Legend, Lizzo, Maluma ed altri.

Lady Gaga ha contribuito a curare lo spettacolo, che sarà trasmesso in diretta sabato 18 aprile su diversi network statunitensi (ABC, NBC, iHeartMedia e CBS).

È stato un onore aiutare con questo grande evento televisivo in cui dobbiamo raccontare storie e celebrare la comunità in prima linea, gli operatori sanitari e i loro atti di gentilezza. Celebriamo ed evidenziamo la speciale e gentile comunità globale che sta nascendo proprio ora. Vogliamo celebrare e incoraggiare il potere dello spirito umano.

Ecco il discorso di Lady Gaga, introdotta in videoconferenza con l’OMS dal direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.