Come la terza stagione di Station 19 interagirà con Grey’s Anatomy 16: nuova programmazione e prime anticipazioni

La terza stagione di Station 19 partirà dal finale autunnale di Grey's Anatomy 16: prime anticipazioni sui crossover

9
CONDIVISIONI

Il finale autunnale di Grey’s Anatomy 16 ha aperto la strada al debutto della terza stagione di Station 19, lo spin-off del medical drama dedicato ai pompieri di Seattle: l’ultima scena dell’episodio 16×09, infatti, ha visto un’auto schiantarsi sul tetto del bar di Joe, dove medici e vigili del fuoco stavano bevendo alla fine di una giornata difficile. Il tutto in un episodio già connotato da una trama crossover, che segnerà l’inizio della terza stagione di Station 19.

Se solitamente l’evento catastrofico da cui scaturisce l’emergenza ospedaliera si verifica all’inizio del finale di metà stagione, stavolta la capo-sceneggiatrice Krista Vernoff ha deciso di piazzare il colpo di scena del mega incidente alla fine dell’episodio, così da avere un gancio narrativo da sviluppare alla ripartenza della stagione. Con la differenza che, stavolta, per scoprire l’esito di quell’evento bisognerà sintonizzarsi sul primo episodio della terza stagione di Station 19, perché la première dello spin-off prevista il 23 gennaio sarà diretta conseguenza dei fatti raccontati nel finale autunnale di Grey’s.

In questo modo le due serie si compenetrano e si passano il testimone, ma soprattutto inizia da gennaio una nuova programmazione, che vede la terza stagione di Station 19 in onda alle 20 e Grey’s Anatomy 16 in onda alle 21, sempre su ABC. Le due serie si invertono rispetto alla passata programmazione, una scelta voluta ed ottenuta dalla Vernoff per esigenze drammaturgiche: la scrittrice e showrunner, infatti, è convinta che in questo modo le emergenze dei pompieri possano fare da apripista ai racconti dei casi ospedalieri che ne conseguono, col ricovero delle persone salvate dai vigili del fuoco. Anticipare Station 19 e posporre Grey’s Anatomy aiuta dunque la politica dei crossover, favorendo delle trame che hanno una consequenzialità logica (prima si salvano le vite umane da incendi ed altre catastrofi e poi si curano i pazienti in ospedale). Il nuovo evento crossover tra le due serie ci sarà il 23 gennaio, quando su ABC debutta la terza stagione di Station 19, seguita dall’episodio di Grey’s Anatomy 16×10.

Parlando a Deadline, la Vernoff ha spiegato come ha concepito il finale autunnale di Grey’s Anatomy 16 in modo che fosse un viatico per il debutto di Station 19 3 (e sarà il primo crossover con entrambe le serie in onda, visto che la nuova stagione dello spin-off debutta proprio in quella data).

È stato molto organico lanciare la première di Station 19 con questo incidente che si verifica in Grey’s Anatomy. Spesso facciamo catastrofi o disastri nel finale di stagione di Grey’s Anatomy, ed è stato organico farlo e quindi consentire ai primi soccorritori di Station 19 di essere sulla scena quando torneremo a gennaio. C’è un incidente alla fine dell’episodio di Grey che richiede che si torni a gennaio alle 20:00 per vedere come gestiscono i primi soccorsi. Questo è un modo grandioso per presentare in anteprima la nuova stagione di Station 19.

Nonostante i numeorsi incroci tra le due serie, la Vernoff assicura che ci sarà una misura nel dosaggio dei crossover e che “non ce ne sarà uno a settimana, ma avverranno ogni pochi episodi“.

Non vogliamo farlo ogni settimana, non vogliamo creare un cliché, un modello, non vogliamo che le persone sappiano cosa aspettarsi. Abbiamo trovato molti modi diversi, davvero piuttosto eccitanti e divertenti di interagire tra i due spettacoli. Abbiamo grandi cast in entrambi gli spettacoli e modi naturali per farli interagire tra loro. È sempre molto divertente quando troviamo il modo di portare i personaggi di Grey su Station 19 e viceversa. Sembra che i nostri mondi siano cresciuti e che siano aumentate le possibilità di raccontare storie.

D’altronde la Vernoff, rientrata nel team degli sceneggiatori di Grey’s Anatomy nella quattordicesima stagione dopo molti anni di assenza, ha assunto quest’anno anche la qualifica di showrunner di Station 19 proprio perché i due format potessero integrarsi sempre più. E lei stessa ha chiesto ad ABC di poter invertire gli orari di messa in onda delle due serie, perché questo avrebbe aiutato a rendere le trame più coerenti, oltre a permettere a Grey’s Anatomy di tornare in una fascia oraria non protetta (dunque, con maggiore libertà per gli sceneggiatori nel linguaggio e nei contenuti).

La rete mi ha assunto per gestire Station 19 in modo che Station 19 e Grey’s Anatomy potessero essere un mondo più unificato con una sequenza temporale e una narrazione più unificate. Con Station 19 in onda alle 8 e la Grey’s Anatomy in onda alle 9 ci sono opportunità molto organiche per Grey’s Anatomy, ad esempio, di ereditare i pazienti che vediamo salvati dai pompieri. Sin dal debutto di Station 19, con gli scrittori abbiamo sempre pensato che la progressione migliore per le trame fosse orientata dai pompieri all’ospedale. Non pensavo che sarebbe successo, ma sono entusiasta che ABC abbia preso la decisione. Mi sono letteralmente rallegrata quando me lo hanno fatto sapere. È davvero emozionante e apre la narrazione. Ci sono regole diverse per uno spettacolo delle 21:00 rispetto a uno spettacolo delle 20:00, e speriamo di trarne vantaggio. A Grey è stato sicuramente permesso di essere uno spettacolo più sexy quando era in onda alle 9. Quindi siamo entusiasti del ritorno alla nostra fascia oraria originale.

Per quanto riguarda la terza stagione di Station 19, Krista Vernoff anticipa l’intenzione di rendere la serie più energica e più tosta, nelle trame come nel linguaggio.

Penso che sia uno spettacolo piuttosto diverso quest’anno. È visivamente ed emotivamente più caotico di quanto non sia mai stato prima. È stato emozionante per me immergermi nel mondo dei vigili del fuoco; è molto diverso dal mondo dei chirurghi e ho dovuto imparare a parlare con questi eroi che corrono verso un incendio. Avevo sempre in mente questa immagine di sudore e fuliggine e sentivo che doveva esserci una cosa del genere in questo spettacolo, che doveva essere assolutamente più grintoso. Le amicizie sono molto più complicate in questa stagione. La gente è un po ‘meno educata, un po’ meno gentile, un po ‘più competitiva e più sporca in questa stagione, letteralmente e metaforicamente.

Ecco il promo del crossover del 23 gennaio, che parte col debutto della terza stagione di Station 19.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.