Lunedì di fuoco per la beta di Android 10 sui Samsung Galaxy S10: arriva un tweet ufficiale

Arriva un riscontro ufficiale da parte del produttore, in attesa di riscontri anche per il mercato italiano

4
CONDIVISIONI

Quella odierna sarà una giornata molto importante per i non pochi utenti che in questi mesi hanno deciso di acquistare un device appartenente alla famiglia dei Samsung Galaxy S10. Come vi ho preannunciato durante lo scorso fine settimana con un articolo dedicato, infatti, finalmente inizieremo a toccare con mano la beta di Android 10, con una svolta praticamente ufficiale anche per il mercato europeo. In questi minuti, a conferma dei rumors, è arrivato anche un riscontro ufficiale.

Tutto ruota attorno ad un tweet della divisione mobile di Samsung. Le informazioni fornite, fino a questo momento, sono molto generiche. Del resto si sa già da qualche giorno che la beta di Android 10 per il Samsung Galaxy S10 fosse in rollout da qualche giorno, in riferimento al mercato coreano. Le ultime notizie raccolte ci dicono che da oggi 14 ottobre avremo modo di fare questo importante step anche in Europa.

Dove potremo testare Android 10 in beta per il Samsung Galaxy S10

Analizzando la questione più nel dettaglio, non ci sono riferimenti precisi ai Paesi in cui il programma beta di Android 10 risulti e risulterà disponibile per i vari Samsung Galaxy S10, S10 Plus e S10e. Come vi riporto da tempo, è assai probabile che l’Italia non venga inclusa in un discorso di questo tipo, se non altro dando uno sguardo allo storico recente di questo produttore, ma le sorprese sono sempre dietro l’angolo quando si affronta un tema come quello degli upgrade.

Insomma, aspettatevi ulteriori informazioni per quanto riguarda una questione calda e delicata come quella della distribuzione di Android 10 in versione beta per il Samsung Galaxy S10. Che idea vi siete fatti sotto questo punto di vista? Fatecelo sapere con un commento qui di seguito, così come segnalateci eventuali adesioni al suddetto programma.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.