Si è sbloccata la beta Android 10 per il Samsung Galaxy S10 questo sabato: bollettino aggiornato

Arrivano finalmente segnali ufficiali da parte del produttore coreano, che proseguiranno anche all'inizio della prossima settimana

5
CONDIVISIONI

Dopo giorni caratterizzati da notizie contrastanti e da un leggero ritardo per il Samsung Galaxy S10 sulla tabella di marcia, emergono oggi 12 ottobre alcune novità rilevanti per tutti coloro che non vedono l’ora di toccare con mano l’aggiornamento Android 10 a bordo del device. Seppur nella sola versione beta. Di recente, su queste pagine, vi ho parlato dello slittamento del programma di circa cinque giorni in Europa, con un nuovo appuntamento probabilmente fissato il giorno 15. Ebbene, qualcosina si sta muovendo.

Il programma aggiornato per Android 10 sul Samsung Galaxy S10

All’alba, infatti, abbiamo avuto un nuovo aggiornamento rilevante da parte di una fonte come SamMobile, grazie alla quale abbiamo finalmente le idee più chiare sui tempi di Android 10 in versione beta a bordo dei vari Samsung Galaxy S10 lanciati sul mercato. Andiamo con ordine, perché secondo il sito vicino al produttore coreano una svolta non così scontata si è avuta a sorpresa proprio questo sabato in giro per il mondo.

Nello specifico, il programma beta include i vari Samsung Galaxy S10e, Galaxy S10 e Galaxy S10 +, risultando attualmente disponibile in Corea del Sud. Samsung ha aperto 1.000 slot nella giornata di oggi, ma a quanto pare consentirà a più utenti di aderire al programma a partire dalle 10 locali di lunedì 14 ottobre. Rumors riportati dalla stessa fonte, poi, riportano anche che Samsung dovrebbe aprire le registrazioni in Germania e negli Stati Uniti sempre nella giornata di lunedì.

Insomma, al momento non ci sono notizie riguardanti l’Italia, ma nessuna sorpresa sotto questo punto di vista. Raramente il nostro Paese è entrato nella lista dei Paesi abilitati ai programmi beta e difficilmente le cose andranno in modo diverso con Android 10 per il Samsung Galaxy S10. Le notizie odierne sono comunque incoraggianti. Non trovate? Diteci che ne pensate qui di seguito nell’area commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.