Prospettive per Samsung Galaxy S9, Note 10 e Note 9 su Android 10: i tempi di attesa per la beta

Cosa dobbiamo aspettarci sul pacchetto software, anche per alcuni modelli commercializzati nel 2018

13
CONDIVISIONI

Ci sono interessanti prospettive da prendere in esame oggi 13 ottobre per quanto riguarda i tempi di uscita dell’aggiornamento Android 10 in versione beta, relativamente alle informazioni raccolte su Samsung Galaxy S9, Note 10 e Note 9. Dopo l’avvio dell’apposito programma per il Galaxy S10 durante il weekend, anche se con ogni probabilità non toccheremo mai con mano questo firmware non definitivo in Italia, lecito chiedersi quali siano i progetti per altri modelli molto popolari nel nostro Paese.

Come stanno le cose per Samsung Galaxy S9, Note 10 e Note 9?

Provando a scendere maggiormente in dettagli, è interessante analizzare in prima istanza quanto riportato da The Android Soul, secondo cui il prossimo device in lista è per forza di cose il Samsung Galaxy Note 10. Il top di gamma, arrivato sul mercato nelle ultime settimane, con ogni probabilità inizierà a ricevere Android 10 in beta a partire dal 21 ottobre. Ad una settimana distanza dalla piena diffusione dell’upgrade per lo stesso Galaxy S10. Insomma, una stima più precisa rispetto a quanto vi abbiamo riportato nei giorni scorsi.

Per quanto riguarda i device che sono stati lanciati sul mercato nel corso del 2018, la stessa fonte parla di rilascio della beta Android 10 per il Samsung Galaxy S9 ed il Galaxy Note 9 entro e non oltre il mese di novembre. Non abbiamo notizie precise in merito, ma è chiaro che quanto emerso nelle ultime ore rappresenti quantomeno un punto di riferimento da fissare in calendario per chi è legato a questi dispositivi.

Staremo a vedere se il produttore coreano riuscirà o meno a rispettare questa tabella di marcia, considerando il fatto che in tanti sono in attesa di segnali concreti per quanto riguarda la beta di Android 10 a bordo dei vari Samsung Galaxy S9, Note 10 e Note 9. Che ne pensate?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.