Alcune importanti precisazione per le Memoji su WhatsApp: dispositivi compatibili limitati e non solo

Cosa sappiamo su un rilascio che ancora oggi fa molto discutere in Italia, in merito agli iPhone compatibili

11
CONDIVISIONI

La settimana che ci stiamo mettendo alle spalle è stata caratterizzata dall’avvio della distribuzione dell’aggiornamento iOS 13, con alcune novità connesse estremamente interessanti, soprattutto per quanto concerne l’arrivo delle Memoji su WhatsApp. In particolare, è importante evidenziare che ad oggi non basti semplicemente aver scaricato l’upgrade in questione, dopo le informazioni che avevo portato alla vostra attenzione ad inizio mese prima della recente svolta.

Un presupposto fondamentale dal quale partire oggi 21 settembre consiste nel fatto che le Memoji risultino disponibili soltanto su specifici modelli. Mi riferisco, oltre ai nuovi iPhone 11 presentato di recente dal colosso di Cupertino, agli iPhone X, XS e XR. Cosa vuol dire questo? Semplicemente che le memoji su WhatsApp al momento si possano sfruttare solo a bordo di quei modelli di iPhone dotati di True Depth Camera.

Come utilizzare le memoji su WhatsApp

Nel caso in cui stiate brancolando nel buio con l’utilizzo delle memoji su WhatsApp, le istruzioni da seguire non sono molte. Aprite le emoji in basso a sinistro all’interno di una normale chat, per poi effettuare uno swipe da sinistra verso destra. Per aggiungerne una nuova, selezionate il pulsante coi tre puntini e poi l’iconcina a forma di “più”. A quel punto dovrete restare fermi per farvi immortalare, per poi apportare eventuali correzioni coi filtri che verranno messi a vostra disposizione. Tutto semplice, tutto estremamente veloce, alla portata anche di utenti meno esperti.

Insomma, in attesa di ulteriori ed eventuali novità anche dal punto di vista dei device compatibili, al momento potete già iniziare a sfruttare tutto il potenziale delle memoji su WhatsApp. Che idea vi siete fatti in questo senso? Fatecelo sapere qui di seguito nei commenti, in modo da farvi un’idea più precisa di quello che sta avvenendo anche in Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.