Un aiuto per chi riceve tanti vocali WhatsApp: riprodurre audio più semplice con la beta 2.19.91.1

Proviamo a conoscere meglio una beta che potrebbe fare la differenza per il pubblico italiano

1
CONDIVISIONI

Ci sono alcune indicazioni molto interessanti oggi 11 settembre per tutti coloro che sono interessati alle vicende di WhatsApp, almeno per quanto riguarda la beta iOS trapelata di recente che a stretto giro diventerà concreta per il pubblico Android. Diamo dunque continuità a quanto riportato non molto tempo fa sulle nostre pagine, grazie ad alcune informazioni che potrebbero fare la differenza soprattutto per gli utenti che sono soliti ricevere svariati messaggi vocali.

A breve, infatti, toccheremo con mano l’aggiornamento definitivo tramite il quale avremo modo di riprodurre gli audio WhatsApp direttamente dall’area notifiche. Novità decisamente apprezzabile, che renderà l’intera applicazione più pratica. In sostanza, facendo “esplodere” la notifica, avremo a disposizione una sorta di lettore con tanto di tastino player, utile per avviare la riproduzione del file vocale senza aprire l’applicazione.

Diversi i vantaggi per gli utenti. In primis, il risparmio nei consumi della batteria, in quanto l’operazione andrà a richiedere uno sforzo molto più contenuto al dispositivo. In secondo luogo, il mittente non avrà immediata percezione del nostro stato “online“, qualora si vogliano fornire informazioni limitate sul modo in cui siamo abituati ad utilizzare WhatsApp. Il terzo punto riguarda appunto la praticità, considerando che in questo modo l’operazione sarà nettamente più veloce.

Insomma, non resta che attendere la piena distribuzione di un aggiornamento che ad oggi risulta essere disponibile solo in beta, per utenti in possesso di un iPhone, a testimonianza del fatto che ci siano ancora dei problemi da risolvere prima di considerare la feature perfettamente funzionante. Del resto, si tratta di un plus richiesto da tempo e a gran voce dal pubblico, se pensiamo che il progetto è in cantiere da mesi per gli sviluppatori. Che ne pensate?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.