La patch del mese sui Samsung Galaxy S10: XXS3ASH1 di agosto 2019

I Samsung Galaxy S10, S10 Plus e S10e ottengono la patch di sicurezza di agosto 2019

12
CONDIVISIONI

Proprio come già successo ai Samsung Galaxy S9, Note 9 e Note 8, ecco arrivare anche a bordo dei Samsung Galaxy S10, S10 Plus e S10e il nuovo aggiornamento con la patch di sicurezza di agosto 2019, pronta a fare capolino a ridosso degli attuali top di gamma, solo di recente affiancati dai nuovi Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus. La distribuzione sembra essere partita nel Vecchio Continente, con le prime segnalazioni arrivate anche nel territorio italiano (come riportato dai colleghi di ‘SamMobile‘).

L’upgrade ha un peso di 112.39MB, quindi non dovrete temere di scaricarlo comodamente in riva al mare, pur non avendo a disposizione una rete Wi-Fi a cui appoggiarsi. Il changelog non rivela niente di particolare, se non la presenza della patch di sicurezza di agosto 2019 e di qualche altro miglioramento non esplicitamente menzionato, e che dovrebbe vedere perfezionata la stabilità e le prestazioni del dispositivo e l’eliminazione di bug (piccole correzioni come sempre se ne vedono in ogni aggiornamento, piccolo o grande che sia).

Provate a verificare la disponibilità dell’aggiornamento XXS3ASH1 all’interno delle impostazioni generali dei vari Samsung Galaxy S10, S10 Plus e S10e: dopo di che, procedete pure al download (come sopra detto, non dovrete preoccuparvi di vedervi prosciugato il traffico dati data l’esiguità del peso di questo pacchetto, di appena 112.39MB) e relativa installazione dell’upgrade, che vi terrà al sicuro dalle cattive intenzioni dei vari cyber-delinquenti, che purtroppo continuano senza sosta ad infastidire gli utenti. Inutile dirvi che l’installazione non comporterà la perdita dei dati personali, che resteranno esattamente nella stessa posizione di sempre.

Segui gli aggiornamenti della sezione Samsung Galaxy S9 sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.