Perché The 100 chiuderà con la 7ª stagione, l’idea di cerchio perfetto e un lieto fine in linea con la serie

Jason Rothenberg spiega perché ha deciso di chiudere The 100 e in che modo il finale della sesta stagione spianerà la strada all'addio della serie

79
CONDIVISIONI

Tutte le belle cose devono finire. Questo è il mantra che ha spinto Jason Rothenberg a concludere The 100 con la settima stagione. Un addio che molti fan pronosticavano, dato che l’ultimo episodio della serie sarà proprio il centesimo. Una sorta di cerchio che si chiude in maniera perfetta, e non poteva essere altrimenti.

Giorni dopo l‘annuncio, lo showrunner ha spiegato ai media americani, presenti ai TCA, i motivi per cui ha scelto di mettere la parola fine a The 100. A quanto pare la notizia era stata programmata dalla rete The CW, che gli ha personalmente chiesto di condividerla con i fan in quel preciso momento.

Non ho fatto di testa mia. Mi è stato chiesto di twittarlo dal network. È stato tempestivo per permettere al presidente della rete Mark Pedowitz di apparire sul palco durante i TCA. In realtà già da un po’ avevamo chiesto che questa fosse l’ultima stagione perché sentivamo che era il momento di uscirne mentre la ricezione era ancora positiva.

La decisione di chiudere The 100 sta nel fatto che Jason e il suo team non vogliono lasciare i fan insoddisfatti. Regalare piuttosto un degno finale, a dispetto di molte serie che proseguono a oltranza, perdendo anche di qualità. Rothenberg prosegue:

Tutte le belle cose devono finire, e abbiamo un finale degno dello show. Non vogliamo scrivere oltre. Andare in un mondo nuovo era ovviamente una bella invenzione, e per noi era rigenerante. Sembrava quasi una serie nuova. Creativamente parlando potevamo andare avanti così, ma ho come letto una frase che diceva: ‘Quante volte hai detto che la stagione 8 è la migliore dello show?’ Si dice meglio lasciare la festa prima che la musica si interrompa. Dato che gli ultimi 16 episodi della stagione 7 ci permetteranno di raggiungere il traguardo dei 100, per noi era troppo perfetto per lasciarsi andare.

Nel mondo distopico di The 100, però, il lieto fine non esiste, e per Jason Rothenberg: Sarà la nostra versione di happy ending. La fine di una storia è sempre il punto morale della storia. Ancora dobbiamo svelare qual è, ma verrà fuori nella settima stagione. Non sarà la cosa del, ‘le persone sono orribili, noi facciamo schifo. Siamo disposti a uccidere chiunque e fare qualunque cosa per sopravvivere.’ C’è uno scopo più alto.

Il finale della sesta stagione spianerà la strada all’ultimo capitolo. Dopo aver perso molti personaggi importanti (Abby e Kane, per dirne due), The 100 si prepara a salutare i fan con uno scioccante colpo di scena nell’ultimo episodio. A giudicare dalle foto rilasciate dalla CW, qualcuno potrebbe salutarci prima del party d’addio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.