Nelle pubbliche scuse di Felicity Huffman per lo scandalo college la colpa e la vergogna. E il marito William H. Macy?

"Mi vergogno e mi assumo tutta la colpa" si legge nelle scuse di Felicity Huffman per lo scandalo college: l'attrice difende la figlia e il marito

Dopo l’arresto dello scorso mese, arrivano le scuse di Felicity Huffman per lo scandalo college: l’attrice di Desperate Housewives – arrestata a marzo insieme a 50 persone tra cui altri genitori e funzionari scolastici con l’accusa di corruzione per aver pagato mazzette per garantire l’ingresso della figlia all’università – ha rotto il silenzio proclamandosi colpevole e scusandosi per aver compiuto un reato così infamante.

L’attrice sarà uno dei 14 imputati che si dichiareranno colpevoli nel processo per lo scandalo delle ammissioni all’università, pagate diverse migliaia di dollari (15.000 nel caso della Huffman per far sì che una persona correggesse il test di ammissione della figlia, secondo l’accusa), veicolando le tangenti per mezzo di un finto ente benefico. La Huffman ha voluto anche fare delle pubbliche scuse sostenendo di vergognarsi della sua disonestà, prendendosi tutte le colpe ed escludendo il resto della sua famiglia da ogni responsabilità.

La sua dichiarazione pubblica è sia un’ammissione di colpa che un insieme di scuse nei confronti di tutti coloro che sono danneggiati e offesi dal suo comportamento. In primis, sua figlia, che sarebbe stata dunque all’oscuro della corruzione operata dalla madre per permetterle di entrare al college.

Mi dichiarerò colpevole per l’accusa mossa contro di me dall’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti. Mi assumo pienamente la mia colpa e, con profondo rammarico e vergogna per ciò che ho fatto, accetto la piena responsabilità delle mie azioni e accetterò le conseguenze che derivano da quelle azioni. Mi vergogno del dolore che ho causato a mia figlia, alla mia famiglia, ai miei amici, ai miei colleghi e alla comunità educativa. Voglio scusarmi con loro e, soprattutto, voglio scusarmi con gli studenti che lavorano duramente ogni giorno per andare all’università, e con i loro genitori che fanno enormi sacrifici per sostenere i propri figli e farlo onestamente. Mia figlia non sapeva assolutamente nulla delle mie azioni e, nel mio modo sbagliato e profondamente scorretto, l’ho tradita. Questo tradimento nei confronti suoi e del pubblico la porterò con me per il resto della mia vita. Il mio desiderio di aiutare mia figlia non è una scusa per infrangere la legge o comportarsi con disonestà.

Il fatto di assumersi la “piena responsabilità” del reato sta suscitando molto scalpore: l’attrice amatissima dal pubblico per il ruolo di Lynette Scavo in Desperate Housewives assume su di sé tutte le colpe della corruzione che le verrà contestata durante il processo, mentre suo marito, l’attore William H. Macy noto per aver interpretato il protagonista di Shameless, non risulta nemmeno indagato. Possibile che la Huffman abbia fatto tutto da sola e che il marito non fosse nemmeno al corrente delle mazzette? L’opinione comune si è scagliata contro di lui: perché solo la Huffman deve pagare le colpe di aver favorito l’ingresso al college della loro figlia? Possibile che Macy non ne sapesse nulla? A quanto pare la Procura non ha trovato abbastanza prove per incriminarlo: non risultano agli atti delle indagini comunicazioni che attestino il concorso dell’uomo nella corruzione operata dalla moglie, dunque, non sarà coinvolto nel processo, perlomeno non come imputato. Al contrario, per l’altra arrestata eccellente in questo caso, l’attrice Lori Loughlin, l’incriminazione riguarda anche suo marito Massimo Giannulli: entrambi sono accusati di aver pagato 500.000 dollari per ammettere le loro figlie a frequentare la USC (University of Southern California).

La piena ammissione di colpevolezza da parte della Huffman le è valso più di un apprezzamento sui social: in molti, anche coloro che si sono sentiti traditi da un personaggio pubblico che ha sempre incarnato il mito della donna normale capace di affermarsi con tenacia e talento, hanno accolto le sue scuse come un bel gesto dopo l’errore commesso e un modo giusto di affrontare le dure conseguenze delle sue azioni.

donn

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.