Blu è il nuovo singolo di Rkomi con Elisa in attesa dell’album Dove gli occhi non arrivano (audio e testo)

Arriva Blu, il nuovo singolo di Rkomi con Elisa prima di Dove gli occhi non arrivano.

4
CONDIVISIONI

Il nuovo singolo di Rkomi con Elisa è Blu. L’annuncio della presenza dell’artista di Monfalcone nel prossimo album del rapper è stato dato già da qualche giorno, mentre il singolo è disponibile a qualche settimana dal rilascio dell’album che prende il titolo di Dove gli occhi non arrivano.

Elisa è solo una tra le artiste che Rkomi ha voluto chiamare per arricchire la sua prossima prova di studio, della quale si conosceranno tutti i contorni a partire dal 22 marzo.

L’inserimento di voci pop non è però arrivato a caso, dal momento che il rapper aveva pensato a questa soluzione proprio immaginando che fossero le loro voci a interpretare quella parte di brano che ha poi sviluppato e compreso in Dove gli occhi non arrivano per il quale ha voluto scoprire anche alcuni suoni tipici del Sud Africa.

Si tratta perciò di una nuova collaborazione per Elisa che si sta preparando per la partenza del tour di supporto a Diari aperti, già certificato disco di platino per il successo nelle vendite. La prima data è prevista per il 17 marzo al Teatro Verdi di Firenze, mentre dal 29 marzo sarà la voce del tema principale del remake di Dumbo di Tim Burton per il quale canta Baby mine.

In passato, Elisa non ha nascosto di apprezzare la musica dei rapper e in particolare quella di Ghali, che compare tra le collaborazioni del prossimo album di Rkomi insieme a Jovanotti, che invece si sta preparando per il particolare tour che terrà nelle spiagge a cominciare dal 6 luglio.

Blu è disponibile dall’8 marzo, con testo e audio che vi proponiamo qui di seguito.

TESTO di Blu di Rkomi

Ora sei un uomo nuovo
Il lavoro, la casa e corri
Di solito salti i pasti, ti scaldi per poco, poco
Poli opposti in una casa sull’albero
Come fogli vuoti, ci riempivamo l’un l’altro
Lo chiami “amore” sebbene con i tuoi occhi stai meglio
Dentro a un ricordo una piccola principessa che ama
Le urlai in silenzio: “Pensami tra vent’anni
O telefona come Dalla
Ci lascerò le dita nel pianoforte che hai a casa”
Ti incazzeresti con le mosche
Se dormi male il giorno dopo casa è una trincea
Il mio disco come Wellebeck, è vittima di se stesso
È un errore volere essere come volete che sia

Mi rifugerò, mi rifugerò
Sopra un letto di foglie, ma non guardo giù
Mi difenderò, mi difenderò
Anche se il cuore e la faccia li ho dipinti di blu
Non pensarci più, non pensarci più
So che da qualche parte c’è la mia tribù

Mi rifugerò
Dove ho la testa non me lo ricordo
E il mio vicino se scrivo ha la pelle d’oca
Sono io che ho perso la percezione
Dei pezzi che perfeziono oltre l’umore
Messo col piede giusto, quello che non comunica
Quando sono giù e le cose migliori son le più stupide
Frasi che formano cose assurde
Ed io ho provato tutto, ma non sembra mai abbastanza
E tu sai sempre tutto, sai stupirti
Ogni tanto siamo noi solo quando siamo soli
O siamo un mondo di cose in una sola persona

Mi rifugerò, mi rifugerò
Sopra un letto di foglie, ma non guardo giù
Mi difenderò, mi difenderò
Anche se il cuore e la faccia li ho dipinti di blu
Non pensarci più, non pensarci più
So che da qualche parte c’è la mia tribù

Mi rifugerò
Dove ancora, dove ancora non lo so
Mi rifugerò
Dove ancora, dove ancora non lo so

Mi rifugerò, mi rifugerò
Sopra un letto di foglie, ma non guardo giù
Mi difenderò, mi difenderò
Anche se il cuore e la faccia li ho dipinti di blu
Non pensarci più, non pensarci più
So che da qualche parte c’è la mia tribù

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.