The Big Bang Theory batte NCIS e Criminal Minds ed é la serie più amata di sempre

Secondo un sondaggio americano, il pubblico preferisce di gran lunga farsi due risate con The Big Bang Theory piuttosto che immergersi nelle indagini di NCIS e Criminal Minds.

214
CONDIVISIONI

The Big Bang Theory terminerà il prossimo anno, ma l’affetto dei fan per la serie resterà invariato ancora per molto. A svelarlo sono le cifre da record che la comedy creata da Chuck Lorre continua a registrare in patria: ascolti pari a oltre 14 milioni di spettatori (calcolando non solo i numeri di chi lo guarda in diretta, ma anche di coloro che registrano l’episodio e lo riguardano) e 2.7 punti nel rating demografico.

The Big Bang Theory è una delle serie di successo più viste al mondo, e un recente sondaggio conferma che è anche lo show più amato di sempre. I risultati provengono da uno studio condotto lo scorso settembre da Uniting Generations su un numero di oltre 2000 cittadini americani. I numeri parlano chiaro: il 47% delle persone di tutte le età preferisce di gran lunga farsi una buona risata con The Big Bang Theory, piuttosto che seguire le indagini di serie molto più longeve come NCIS e Criminal Minds. I dati sono stati analizzati escludendo gli show che vanno in onda sulle piattaforme di streaming e sulle pay tv (visto che non tutti possono usufruire di questi canali).

Nella lista delle serie più viste ci sono anche Law & Order: SVU, gli spinoff di NCIS, il programma The Voice, Modern Family, American Idol, Grey’s Anatomy, The Good Doctor e Dancing with the Stars (il nostro Ballando con le Stelle). Escluso invece lo spinoff di The Big Bang Theory, Young Sheldon, che non è stato incluso nella top 10.

Per la serie della CBS è un risultato impressionante, e può dire addio ai suoi fan con una bella soddisfazione. La creatura di Chuck Lorre è anche tornata ai Critics’ Choice Awards grazie a Jim Parsons, che è stato nominato come Miglior attore protagonista in uno show comedy. Chissà se riuscirà a farcela?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.