Svolta definitiva dal 5 ottobre per LG G5: telenovela finita sull’aggiornamento Oreo

Ultimissime notizie per lo smartphone ancora oggi molto diffuso. Come stanno esattamente le cose?

Abbiamo dovuto attendere probabilmente più del previsto, ma da oggi 5 ottobre possiamo finalmente parlare di svolta definitiva e totale per quanto riguarda il tanto chiacchierato LG G5, considerando le ultime novità trapelate in Rete per quanto riguarda la distribuzione dell’aggiornamento del sistema operativo Android Oreo. Dopo aver condiviso con voi alcune segnalazioni da parte degli utenti in possesso della versione brandizzata Vodafone ad inizio settimana, infatti, in queste ore occorre inquadrare la situazione in modo più generico.

Merito di quanto riportato da una fonte come The Android Soul, tra le più affidabili su tematiche simili. Ebbene, pochi minuti fa è stato annunciato che il rollout per la versione internazionale dell’LG G5 sia scattato definitivamente. Se consideriamo che si tratta dello stesso modello in commercio in diversi Paesi, tra cui l’Italia, si capisce che siamo realmente al cospetto di un momento topico per tutti coloro che sperano di fare questo step a strettissimo giro. Basti pensare a chi dispone di un device no brand.

Allo stato attuale delle cose, bisogna dare per scontato che nel giro di pochissimi giorni arrivi pertanto la notifica a tutte le versioni dell’LG G5 che sono ancora oggi in commercio in Italia, in riferimento ad un pacchetto software attesissimo da tutti come l’aggiornamento Android Oreo. Sottolineo a tal proposito che i possessori del modello Vodafone ad oggi non hanno fatto emergere particolari criticità in Rete, anche se parliamo tutto sommato di casi isolati.

Anche a voi è arrivata la notifica per procedere con il download per il vostro LG G5? Riportateci la vostra esperienza, in modo da capire come stiano evolvendo realmente le cose per tutti coloro che sono legati ancora oggi ad uno smartphone come questo qui in Italia.

Commenti (1):

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.