Cestinati definitivamente LG G5, G4, G3: senza scampo l’ultimo bollettino sugli aggiornamenti

Non si mettono bene le cose per gli smartphone lanciati sul mercato da LG nel 2016, soprattutto per i predecessori

Non sono per nulla positive le notizie emerse oggi 9 gennaio per i non pochi utenti che sono ancora in possesso di un LG G5, senza dimenticare i vari G4 e G3. In mattinata infatti, l’azienda asiatica ha deciso di seguire le orme dei suoi competitors (in primis Samsung), rinfrescando la pagina in cui vengono rilasciate tutte le informazioni del caso in vista di nuovi aggiornamenti. Con la patch di gennaio, possiamo giungere al verdetto quasi definitivo sul fatto che determinati prodotti vedranno sospeso il supporto software.

Tra questi, a sorpresa, figura anche il cosiddetto LG G5. Il culmine per lo smartphone lanciato sul mercato ad inizio 2016 evidentemente si è raggiunto pochi giorni fa qui in Italia, considerando il fatto che a ridosso delle festività natalizie vi abbiamo riportato l’annuncio sulla disponibilità dell’aggiornamento Android Oreo per coloro che dispongono di un LG G5 TIM. Quasi come a chiudere un cerchio, dunque, troviamo un annuncio basato sul “non detto”, come potrete percepire dal bollettino ufficiale del colosso asiatico.

Per la cronaca, dalla lista in questione emerge che gli smartphone destinati a toccare con mano la nuova patch saranno modelli specifici della serie G (G6, G7), oltre a quelli della serie V (V30, V35, V40), serie CV (CV1, CV3, CV5A, CV7A), fino ad arrivare alle serie LV (LV7, LV9), Stylo (SF3), e Q (Q6, Q8). Un approccio chiaro, esplicito, che con ogni probabilità andrà a “cestinare” in modo definitivo i suddetti LG G5, G4 e G3.

Nelle prossime settimane continuerò a monitorare la situazione, per comprendere se effettivamente siano chiuse le porte per LG G5, o se durante il 2019 ci potranno essere i presupposti per qualche aggiornamento migliorativo. Che idea vi siete fatti in questo senso? Fateci sapere che ne pensate.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.