Cambia ancora Google Assistant: importanti novità sulla riproduzione musicale

Concentriamoci sulle novità ufficializzate per l'assistente vocale di Google, che stavolta coinvolgono anche Youtube

Stanno arrivando novità interessanti in queste ore sul fronte Google Assistant, indipendentemente dal fatto che siate in possesso di un device Android o di un iPhone. Dopo il punto della situazione condiviso con voi a fine marzo su queste pagine, infatti, occorre assolutamente analizzare quanto segnalato da alcuni utenti oggi 24 aprile, perché l’aggiornamento automatico dell’assistente vocale nel momento in cui pubblico l’articolo non risulta disponibile su tutti gli smartphone abilitati.

Stavolta occorre concentrarsi soprattutto su coloro che sono soliti ascoltare la musica con il proprio device, in quanto fino ad oggi per riprodurre un brano da Youtube era necessario rendere esplicita la richiesta a Google Assistant. Attraverso l’aggiornamento di cui vi sto parlando oggi, la musica cambierà, in quanto all’interno delle sue impostazioni potremo scegliere proprio Youtube come lettore lettore principale, rendendo l’intero processo molto più rapido e fluido per chi all’interno della piattaforma ha sempre trovato le canzoni ricercate.

Come vi ho accennato in precedenza, dalle notizie trapelate fino a questo momento emerge che solo parte del pubblico sia riuscita a fare questo step, ma conoscendo gli standard di Google Assistant è probabile che la situazione si possa sbloccare a stretto giro per tutti. A quel punto, non dovrete far altro che richiedere all’assistente vocale la riproduzione di un brano e questa avverrà direttamente attraverso Youtube.

Insomma, nulla di rivoluzionario, ma qualcosa che potrebbe migliorare la vostra esperienza nel quotidiano con Google Assistant, soprattutto nel caso in cui doveste essere soliti riprodurre brani attraverso il vostro smartphone. Staremo a vedere a questo punto quando tutti potranno toccare con mano il nuovo aggiornamento, in attesa di capire quali saranno le prossime novità che verranno assicurate al pubblico nel corso delle prossime settimane qui in Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.