Diabolik: confermata la sinossi del film diretto dai Manetti Bros.

Online è appena stata diffusa la sinossi ufficiale di Diabolik, il film con Luca Marinelli e Miriam Leone

26
CONDIVISIONI

La sinossi ufficiale di Diabolik è appena stata diffusa. Dopo il lancio del poster e l’annuncio della data d’uscita, la produzione ha rivelato alcuni dettagli riguardo alla trama della trasposizione cinematografica del personaggio creato nel 1962 da Angela Giussani.

Ambientato negli anni ’60 nella fittizia località di Clerville, il film ha come protagonista un criminale incappucciato la cui vera identità è sconosciuta. Questo scaltro ladro riesce a commettere spesso dei furti per poi volatizzarsi con la sua Jaguar E-type. Nel frattempo, c’è una trepidante attesa per l’arrivo di un’affascinante ereditiera, ovvero Lady Kant, che possiede un diamante rosa dal valore inestimabile. La pietra cattura immediatamente l’attenzione di Diabolik. Il furfante rimane però incantato dal fascino di Lady Kant. Nel frattempo, l’Ispettore Ginko – il suo rivale storico – e la squadra di polizia hanno trovato un modo per catturare Diabolik.

Il poster di di Diabolik

Il film uscirà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 31 dicembre 2020. A dirigere questa trasposizione saranno Antonio e Marco Manetti, conosciuti per Ammore E Malavita, Song’E Napule e Paura. I due fratelli hanno inoltre prodotto il film horror italiano Il Mostro Della Cripta.  

Il cast di Diabolik è composto da diversi attori italiani molto conosciuti, tra cui Luca Marinelli (che presterà il volto al protagonista), Miriam Leone (Eva Kant), Valerio Mastandrea (Ginko), Antonio Scarpa (Agente Dalton), Lorenzo Pedrotti (Ettore), Guglielmo Favilla (Agente Florian) e molti altri.

I protagonisti di Diabolik
Luca Marinelli e Miriam Leone.

Distribuito da 01 Distribution, l’atteso poliziesco – ispirato a uno tra i personaggi dei fumetti italiani più conosciuti – arriverà il 31 dicembre 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.