Better Call Saul 6 slitta dopo il 2021? Il ritorno di Walter White e Jesse Pinkman ancora nel limbo, parla il co-creatore

Better Call Saul 6 potrebbe tardare a causa del covid-19? Il co-creatore della serie a ruota libera sul finale e sul ritorno di Walter e Jesse

3
CONDIVISIONI

Dopo l’annuncio di Better Call Saul 6 come ultima stagione, il prequel di Breaking Bad comincia ad assemblare i pezzi affinché la sua storia coincida con l’inizio della serie madre.

Nel corso dello show, che racconta gli inizi di carriera dell’avvocato Jimmy McGill (interpretato ancora una volta da Bob Odenkirk), prima di diventare Saul Goodman, sono apparsi diversi personaggi di Breaking Bad che hanno in qualche modo dato un senso di continuità. Da Tuco Salamanca e i suoi cugini, il chimico Gale Boetticher, a Gus Fring e la sua socia Lydia Rodarte-Quayle, fino al cognato di Walter White, l’agente della DEA Hank Schrader: chi sarà il prossimo a tornare? Inutile dire che con l’arrivo di Better Call Saul 6, i fan aspettano di poter vedere i personaggi chiave di Breaking Bad, ovvero Walter White e Jesse Pinkman.

“Al momento siamo molto vicini nel completare l’episodio 4 e abbiamo un’idea per tutto quello che ci avete chiesto”, ha dichiarato il co-creatore e produttore esecutivo Peter Gould in un’intervista a Collider. “Abbiamo un’idea per quanto riguarda la direzione dello show, per come finisce tutto, per i personaggi che potrebbero o meno tornare – come Walt e Jesse. Ma è meglio non impegnarsi troppo in qualcosa perché le cose potrebbero cambiare.”

Il co-creatore ha concluso dicendo che la priorità è dare una conclusione alla vicenda di Saul Goodman, poi penserà a come legarlo alla storia originale di Breaking Bad (e se è il caso di farlo): “Se la storia vira in un modo che renda impossibili per noi far tornare questi personaggi, allora non li riavremo. Il nostro scopo è realizzare una storia che abbia senso da sola. Non che dipenda da altro.”

Gould ha confermato di aver lavorato intensamente con Vince Gilligan, mente dietro Breaking Bad, nonché co-creatore di Better Call Saul. A Collider, ha parlato della lunga durata della sesta stagione e ha rivelato di essere fiducioso riguardo il finale di serie.

“Spero di chiudere in bellezza”, ha aggiunto. “I fan prendono molto seriamente questa cosa. E mi rende un po’ nervoso… è molto difficile da realizzare. Nel nostro caso, abbiamo 63 ore di storia rimanenti e andranno verso una conclusione che soddisferà le richieste. E poi ci dirigeremo verso Breaking Bad. A forza di parlarne, i miei capelli cadranno nei prossimi cinque secondi. Faremo del nostro meglio. Ne sono entusiasta.”

La data di debutto di Better Call Saul 6 era inizialmente prevista per il 2021, ma con la pandemia di Covid-19 non è chiaro se subirà delle variazioni. Di seguito trovate l’intervista video di Collider al co-creatore dello show.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.