Better Call Saul 6 sarà l’ultima stagione, il prequel di Breaking Bad chiude il cerchio con il ritorno di Dean Norris

Better Call Saul 6 ci sarà ma chiuderà il cerchio sul prequel di Breaking Bad: per l'occasione, annunciato il ritorno di Dean Norris

1
CONDIVISIONI

Better Call Saul 6 ci sarà, ma chiuderà il cerchio sulle vicende dell’avvocato Jimmy McGill e del suo percorso verso il lato oscuro.

La AMC ha rinnovato il prequel di Breaking Bad per una sesta e ultima stagione, composta da 13 episodi (tre in più rispetto i canonici 10), la cui messa in onda è prevista per il 2021. Successivamente, verrà rilasciata a livello internazionale su Netflix. In una nota, lo showrunner e produttore esecutivo Peter Gould ha dichiarato: 

Fin dal primo giorno di Better Call Saul, il mio sogno è stato quello di raccontare la piena storia del nostro complicato e compromesso ero, Jimmy McGill — ora AMC e Sony stanno realizzando quel sogno. Non potremmo essere più grati di così ai fan e ai critici che hanno reso possibile questo viaggio. Il prossimo mese, iniziamo a lavorare sulla sesta e ultima stagione. Faremo del nostro meglio per preparare l’atterraggio.

Better Call Saul, prodotto dal 2015 come prequel di Breaking Bad, vede Bob Odenkirk nei panni di Jimmy McGill prima di diventare Saul Goodman, avvocato di Walter White. La serie è volta a far luce sulle sue origini, quando cercava di affermarsi in tutti i modi come penalista. Pur avendo tutte le giuste qualità per far carriera, Jimmy non può fare a meno di utilizzare metodi illegali. Il cast comprende anche Jonathan Banks nei panni del sicario Mike Ehrmantraut, e Giancarlo Esposito nel ruolo del boss del crimine Gus Fring; completano il cast, Rhea Seehorn, Michael Mando e Patrick Fabian.

Prima di Better Call Saul 6, la quinta stagione debutterà negli Stati Uniti domenica 23 febbraio, proseguendo la sera successiva con un nuovo episodio. La decisione di Jimmy, ormai sempre più propenso ad abbracciare l’altra faccia della legge, comporterà dei cambiamenti inattesi e profondi in tutti quelli che lo circondano.

Oltre all’annuncio dell’ultima stagione, la AMC ha annunciato con piacere il ritorno di un volto storico di Breaking Bad. Dean Norris riprenderà il ruolo dell’agente della DEA Hank Schrader e apparirà in due episodi in qualità di guest star. Per chiudere il cerchio sul franchise, anche Steven Michael Quezada riprenderà i panni del partner di Hank, Gomez. Norris ha dichiarato a proposito:

Essere chiamato dal geniale Vince Gilligan per interpretare un personaggio che ha cambiato la mia vita, lavorare col grande Bob Odenkirk in uno show che adoro: cosa potrei chiedere di più? Ero assolutamente entusiasta all’idea di rivisitare il mio vecchio amico Hank Schrader. È stato particolarmente divertente vestire i panni di un Hank prima di Breaking Bad. Tornare sul set di nuovo con questa famiglia è stata la ciliegina sulla torta. Spero che i fan l’adoreranno tanto quando me.

I fan di Breaking Bad ricorderanno la tormentata caccia di Hank all’uomo dietro “Heisenberg,” solo per scoprire che dietro il diabolico produttore di metanfetamina si nascondeva il suo mite cognato, Walter White. Per molto tempo Hank è stato all’oscuro della doppia vita di Walter, mentre conosceva bene Saul Goodman, il quale spesso si è trovato a difendere Jesse Pinkman e altri criminali con cui la DEA aveva a che fare.

Breaking Bad si è concluso nel 2013, seguito da un film sequel su Netflix. Sebbene siano passati diversi anni dall’ultima volta che ha interpretato, Norris non gli ha mai detto addio. “È come andare in bicicletta. Non ho dovuto fare niente di speciale per vestire di nuovo i suoi panni. Ho solo dovuto mettere una maglia ed ero pronto.”

In aggiunta, anche il compianto attore Robert Forster tornerà nel ruolo di Ed Galbraith.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.