Rise sbarca in chiaro su Canale5: la serie che strizza l’occhio a Glee con meno trash e Josh Radnor

La trama e la programmazione di Rise in onda su Canale5 dalla prossima settimana

Se non ne avete abbastanza delle “vecchie” serie dedicate a professori pronti a tenere le redini di ragazzi allo sbando tenendoli insieme grazie ad un musical districandosi poi tra le loro storie personale, Rise fa per voi. La serie tv con Josh Radnor sta per sbarcare in chiaro su Canale5 per la gioia di chi ha amato il protagonista della comedy corale E Alla Fine Arriva Mamma.

Sarà lui a vestire i panni del professor Lou Mazzuchelli, padre e professore devoto, che deciderà di prendere in mano il compito di occuparsi del corso di teatro mettendo insieme un musical che possa interessare ai ragazzi e possa aprire gli occhi agli abitanti un po’ bigotti della cittadina dove si trova il liceo Stanton. La serie ideata da Jason Katims si basa sul libro Drama High di Michael Sokolove, incentrato sull’insegnante Lou Volpe e sul famoso suo programma teatrale alla Harry S Truman High School nella contea di Bucks, in Pennsylvania.

Ecco il promo della serie:

La prima e unica stagione della serie è composta da 10 episodi ed è già andata in onda sulle reti Premium e porterà sullo schermo un gruppo di ragazzi pronti a mettere in scena “Spring awakening” che tratta temi impegnativi come il sesso tra adolescenti, l’aborto e il suicidio e per questo finirà nella lente di genitori, coach e rettore. Come andrà a finire per loro?

Il primo episodio dal titolo “Risveglio di primavera” andrà in onda domenica sera, il 5 luglio, in seconda serata a partire dalle 23.50. Rise dovrebbe andare in onda con un singolo episodio a settimana per tutta l’estate ma come spesso accadere quando si parla di Canale5, sembra che dovremo tenere ben incrociate le dita sperando che la programmazione non cambi settimana dopo settimana come è successo alle repliche di Manifest e non solo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.