Perché guardare The Great su StarzPlay, esilarante riscrittura della gioventù di Caterina la Grande

Elle Fanning e Nicholas Hoult sono degli irresistibili Caterina e Pietro di Russia nella miniserie più esilarante e politicamente scorretta dell'anno

2
CONDIVISIONI
[Hulu]

Le novità dalle piattaforme di streaming iniziano a scarseggiare, e così l’arrivo di The Great su StarzPlay è ancor più rincuorante per chi è alla ricerca di nuove ossessioni televisive. Questa miniserie Hulu è firmata Tony McNamara, già sceneggiatore del premiatissimo La Favorita, e che proprio in The Great ricrea le stesse atmosfere di sontuosa e immutabile nobiltà.

Nei suoi dieci episodi, al debutto su StarzPlay il 18 giugno, The Great offre una riscrittura satirica, politicamente scorretta e a tratti apertamente crudele della vita di Caterina, in quegli anni non ancora la Grande. La storia, infatti, prende le mosse dai tempi del suo trasferimento in Russia, nel pieno di una gioventù che le fa idealizzare la vita da donna sposata e romanticizzare la figura del marito, l’imperatore Pietro III.

L’arrivo a corte è un brusco – ma inevitabilmente esilarante – ritorno alla realtà. Pietro non è esattamente un uomo nobile d’animo, né il colto intellettuale con cui Caterina sperava di discutere le idee di progresso e libertà diffuse in quegli anni in Francia e nel resto d’Europa. Persino le donne di corte la trattano da outsider, tenendola a distanza e anzi coalizzandosi contro di lei.

Dopo l’iniziale sconforto, però, Caterina decide di prendersi ciò che non è suo – il potere – e dare alla Russia il futuro di grandezza che merita. Ma la strada è lunga e tortuosa: per farlo deve trovare degli alleati che la aiutino a realizzare l’impresa di sbarazzarsi del materito e impossessarsi del trono.

The Great è ispirata a un’opera teatrale dello stesso Tony McNamara, già adattata in un film di cui però l’autore non si è mai sentito del tutto convinto. [The Great] è già stata uno spettacolo teatrale e un film, e ho sempre avuto difficoltà a gestire una storia così corposa nel contesto limitato di un film. Volevo raccontarne lo svolgimento negli anni, per questo inizialmente ho proposto una serie in sei stagioni, immaginando di introdurre varie figure storiche fondamentali nella vita di Caterina con il passare del tempo, ha spiegato.

Nel cast principale della serie figurano Elle Fanning (Caterina), Nicholas Hoult (Pietro), Phoebe Fox (Marial), Sacha Dhawan (Orlo), Charity Wakefield (Georgina), Gwilym Lee (Grigor), Adam Godley (Archie), Douglas Hodge (Velementov), Belinda Bromilow (Elizabeth), Bayo Gbadamosi (Arkady), Sebastian de Souza (Leo).

Al debutto su Hulu la serie ha conquistato pubblico e critica, che ne ha parlato come di un viaggio strano, magnifico e stroardinariamente divertente. Molti hanno lodato lo humour effervescente e maligno della serie, capace di scavalcare qualsiasi tabù per prendersi gioco di difetti fisici e caratteriali, tradizioni antiquate e becere usanze.

A raccogliere lodi universali è però più di tutto il cast di The Great. La chimica fra Elle Fanning e Nicholas Hoult rende irresistibile ogni scambio tra Caterina e Pietro, e in particolare quest’ultimo riesce a scatenare persino un pizzico di pietà a dispetto delle sue cattiverie e perversioni. Tra gli interpreti di supporto si apprezza soprattutto Phoebe Fox, una Marial al tempo stesso specchio dei suoi tempi e potenziale figura di rottura.

Hulu non si è ancora espressa sulla possibilità del rinnovo di The Great, ma la produttrice Marian Macgowan ha parlato di un progetto di sei stagioni e di sufficiente materiale narrativo da coprire la vita di Caterina fino alla vecchiaia. Stessa linea seguita da Elle Fanning, che in un’intervista all’EW ha ammesso di non conoscere le intenzioni di Hulu, ma di essere certa che Tony McNamara abbia già in mente molte altre storie da raccontare.

Ecco il trailer di The Great, su StarzPlay dal 18 giugno:

La Favorita
  • Olivia Colman, Emma Stone, Rachel Weisz, Nicholas Hoult, Joe Alwyn...

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.