Anche Emma Watson contro J.K. Rowling e la transfobia: Hermione di Harry Potter non perdona

Dopo Daniel Radcliffe, anche Emma Watson si schiera a supporto della comunità trans e condanna le dichiarazioni di J.K. Rowling, autrice di Harry Potter

62
CONDIVISIONI

Se potesse scagliare una delle maledizioni senza perdono, probabilmente Emma Watson lo farebbe. L’eroica Hermion Granger della saga cinematografica di Harry Potter si è scagliata contro J.K. Rowling, autrice della serie letteraria sul maghetto di Hogwarts. La scrittrice ha fatto molto discutere per le sue opinioni contraddittorie sull’essere donna e le persone trans. Dichiarazioni che creano polemica, soprattutto nel mese del Pride.

Dopo Daniel Radcliffe, che ha scelto di pubblicare una lettera indirizzata i suoi fan per esprimere il supporto verso la comunità, anche la Watson ha voluto dire la sua contro le dichiarazioni della scrittrice e la transfobia. L’attrice britannica ha utilizzato il suo profilo Twitter per aprire un lungo thread:

“Le persone trans sono ciò che dicono di essere e meritano di vivere la propria vita senza essere costantemente interrogate o informate di non essere chi dicono di essere”, ha esordito Emma Watson. “Voglio che i miei followers trans sappiano che io e tante altre persone nel mondo, vi vediamo, vi rispettiamo e vi amiamo per quello che siete.”

La star ha poi concluso condividendo con i fan i nomi di due associazioni, Mermaids e Mama Cash, impegnate in prima linea sui diritti, invitandoli a donare per sostenere la causa.

Attrice e attivista, Emma Watson ha fatto sentire la propria voce anche in occasione della morte di George Floyd, l’afroamericano ucciso a Minneapolis durante un controllo della polizia. L’episodio fortemente razzista ha incoraggiato molte celebrità a scendere in strada per unirsi alle proteste di migliaia di manifestanti contro la brutalità e la violenza delle forze dell’ordine nei confronti delle persone di colore.

“C’è così tanto razzismo, nel nostro passato e nel presente, che non è riconosciuto né giustificato”, ha scritto Emma Watson su Instagram. “La supremazia dei bianchi è uno dei sistemi di gerarchia e di dominio, di sfruttamento e oppressione, saldamente cucito nella nostra società. Come persona caucasica, ne ho beneficiato. Sebbene come individui sappiamo di lottare duramente per essere anti-razzisti, dobbiamo impegnarci di più esternamente per affrontare il razzismo strutturale e istituzionale che ci circonda. Sto ancora cercando di imparare i vari modi in cui inconsciamente supporto e sostengo un sistema strutturalmente razzista.” 

La saga cinematografica di Harry Potter, adattamento dei 7 romanzi di JK Rowling, si è conclusa nel 2011. Nonostante ciò, gli attori protagonisti sono sempre rimasti in contatto tra loro. Lo scorso anno, Emma Watson si è riunita con Tom Felton (Draco Malfoy), Evanna Lynch (Luna Lovegood), Bonnie Wright (Ginny Weasley) e Matthew Lewis (Neville Paciock) per le festività natalizie.

View this post on Instagram

Merry Christmas from us ☺️

A post shared by Emma Watson (@emmawatson) on

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.