Paul McCartney furioso per il mancato rimborso dei biglietti e sbotta in italiano: “Uno scandalo”

L'artista britannico non ha gradito le modalità di gestione dei concerti di Lucca e Napoli annullati

55
CONDIVISIONI

Paul McCartney furioso per il mancato rimborso dei biglietti dei concerti che avrebbe dovuto tenere nel corso della prossima stagione di eventi. L’artista britannico avrebbe dovuto esibirsi a Napoli e Lucca, ma i live sono saltati a causa dell’emergenza Coronavirus.

Il motivo dell’ira mostrata da McCartney è il mancato rimborso dei biglietti dei concerti che avrebbe dovuto tenere il 10 giugno a Napoli e il 13 giugno a Lucca. I tagliandi di ingresso saranno rimborsati con la modalità del voucher, che consente l’acquisto di altri biglietti sulla stessa piattaforma e organizzati dal medesimo partner.

Dice Paul McCartney, in italiano:

“È veramente scandaloso che coloro che hanno pagato un biglietto per uno show non possano riavere i loro soldi. Senza i fan non ci sarebbe musica dal vivo. Siamo fortemente in disaccordo con ciò che il governo italiano e Assomusica hanno fatto”.

L’annullamento dei concerti di Paul McCartney era già diventato un caso, proprio per i mancati rimborsi dei biglietti da diverse centinaia di euro. I concerti dell’artista britannico non saranno recuperati, ragion per cui si è scatenato un vero e proprio caso sull’impossibilità di rifondere quanto corrisposto dai partecipanti ai concerti.

La risposta dell’organizzazione non si è fatta attendere, che ha accolto come legittime le richieste degli acquirenti ma ha anche ricordato che la modalità di rimborso tramite voucher siano state decise dal legislatore:

Dice D’Alessandro:

“Quella del nostro pubblico non è una richiesta assurda, ma la scelta di rimborsare con un voucher non l’abbiamo né presa né chiesta noi. E’ arrivata dal legislatore. E non è una opzione, come molti dicono erroneamente”.

Il destino dell’annullamento o del rinvio è stato comune a tutti i concerti in programma nella prossima stagione. Tutti gli eventi fino al 30 settembre sono annullati, per impossibilità di organizzare concerti al di sopra dei 1000 spettatori. Tutti i biglietti sono rimborsabili tramite voucher, mentre in alcuni casi si potrà usufruire della piattaforma di vendita FanSale messa a disposizione da TicketOne.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.