EA sposa Google Stadia: FIFA e Star Wars tra le novità, giochi gratis anche a maggio 2020

Big G stringe una partnership con Electronic Arts per portare in streaming cinque nuovi giochi, compreso il recente Star Wars Jedi Fallen Order

1
CONDIVISIONI

Come promesso nei giorni scorsi, Google Stadia è tornata a far parlare di sé in data odierna, 28 aprile 2020. Seguendo l’esempio di Nintendo, Sony e Microsoft, anche il colosso di Mountain View ha infatti tenuto una piccola conferenza in streaming per annunciare alcune delle novità in arrivo sulla propria piattaforma cloud gaming – disponibile sul mercato dallo scorso novembre. In particolare, nel più recente Stadia Connect, il Product Manager della divisione Phil Harrison è intervenuto per annunciare una partnership con Electronic Arts, che porterà anche sull’esperimento di Big G cinque titoli appartenenti alla line-up del gigante di Redwood City.

Il primo videogioco di EA ad atterrare su Google Stadia sarà l’apprezzato Star Wars Jedi Fallen Order, avventura esclusivamente single player realizzata dai ragazzi di Respawn Entertainment – qui per recuperare la nostra recensione -, già uscita su PC, PlayStation 4 e Xbox One. Il titolo ambientato nel “galattico” universo di Guerre Stellare ci mette nei panni del Padawan Cal Kestis, scampato all’Ordine 66 e determinato a far risorgere l’ordine degli Jedi, ormai decimati. Il tutto per una narrazione canonica, e con un gameplay che ricorda capolavori del calibro di Unchared, Sekiro Shadows Die Twice e Metroid – ereditandone più elementi portanti, dal combattimento all’esplorazione. Il lancio sul servizio streaming targato Google è previsto per il prossimo autunno.

Solo successivamente, in un periodo che Electronic Arts fissa tra la fine del 2020 e oltre, assisteremo anche al debutto delle serie sportive FIFA e Madden NFL, per quanto non sia stato specificato di quali edizioni si tratti – molto probabilmente quelle 2021, per cui al momento si temono ritardi sul mercato a causa della pandemia da nuovo Coronavirus. Nello stesso intervallo di tempo saranno messi a disposizione degli abbonati anche gli altri due giochi, di cui l’identità rimane ancora avvolta nel mistero. In ogni caso, ulteriori informazioni sui giochi di Electronic Arts in arrivo su Google Stadia verranno condivise “più avanti nel corso di quest’anno”.

Google Stadia Pro, svelati i giochi gratuiti di maggio 2020

Sempre in occasione dell’evento Stadia Connect del 28 aprile – potete recuperarlo per intero cliccando sul tasto Play del video presente poco più in alto in questo stesso articolo -, i vertici di Google hanno poi alzato il sipario sui prossimi videogiochi gratis destinati solo agli abbonati a Stadia Pro, ed in arrivo nel corso del mese di maggio 2020. Nel catalogo più completo del servizio in streaming saranno regalati tre titoli, tutti di diverso genere per accontentare gusti e palati variegati.

Il primo è The Turing Test, un’avventura con visuale in soggettiva caratterizzata da molti elementi tipici dei puzzle game realizzata dagli sviluppatori di Bulkhead Studio, e pubblicata dal colosso nipponico Square Enix – gli stessi del recentissimo Final Fantasy 7 Remake – attraverso il programma Collective, nato in passato per finanziare le software house indipendenti sparse in tutto il mondo. Il secondo giocabile gratuitamente a maggio tramite Stadia Pro è SteamWorld Heist, sequel diretto di Steamworld Dig realizzato dal team svedese di Image & Form. Il terzo e ultimo titolo che potrà essere giocato senza costi aggiuntivi dagli iscritti all’abbonamento Pro di Google Stadia sarà poi l’action dalle venature decisamente horror Zombie Army 4 Dead War, ultima declinazione della saga nata da una costola del franchise sparacchino Sniper Elite, a marchio Rebellion. Nel frattempo, vi ricordiamo che l’ultima iniziativa promozionale di Google con due mesi di accesso gratis a Stadia Pro è ancora attiva: ne avete già approfittato?

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.