Le serie tv ispirate alle opere di William Shakespeare: il 23 aprile è il giorno del grande autore inglese

Il 23 aprile nasceva (e moriva) William Shakespeare, scrittore inglese autore di drammi e commedie immortali: scopriamo le serie tv ispirate alle sue opere

73
CONDIVISIONI

Oggi, 23 aprile, è la giornata di William Shakespeare, nato e morto a Stratford-upon-Avon rispettivamente nel 1564 e nel 1616. Considerato il poeta più rappresentativo del popolo inglese e soprannominato il “Bardo”, durante la sua vita ha prodotto 37 testi teatrali, 154 sonetti e una serie di altri poemi.

Data la scarsità di documenti che ci sono pervenuti, si sa davvero poco sulla sua vita privata, su cui aleggia un alone di mistero. Autore di drammi e commedie, le opere teatrali di William Shakespeare sono state tradotte in tutto il mondo ma anche inscenate più spesso di qualsiasi altra opera. Il cinema e la televisione ha dedicato moltissimi adattamenti ai suoi scritti, basti pensare ai numerosi Romeo e Giulietta, fino ad Amleto e al Re Lear. Per celebrare il Bardo di Avon, (ri)scopriamo le serie tv ispirate alle sue opere più note.

Will

Non potevamo che iniziare con la serie tv incentrata su William Shakespeare. Chiamato semplicemente Will, lo show americano racconta la giovinezza del celebre drammaturgo (interpretato da Laurie Davidson) in una Londra del sedicesimo secolo punk-rock. Il suo talento grezzo affronta un pubblico non pronto, ma anche fanatici religiosi e forme d’intrattenimento meno alte. Si lega ad Alice, la figlia bella, ribelle e capace di James Burbage, un carpentiere che sogna di costruire un grande teatro. Nel cast anche Jamie Campbell Bower nei panni di Christopher Marlowe.

Still Star-Crossed

Non sempre Shonda Rhimes fa centro. La creatrice di show di successo come Grey’s Anatomy e Scandal ha prodotto una serie tv basata sul libro omonimo di Melinda Taub, cancellata dopo solo sette episodi a causa degli ascolti flop. Still Star-Crossed è una sorta di sequel di Romeo e Giulietta; è infatti ambientata dopo gli eventi che hanno portato alla loro morte. Rosaline Capulet viene promessa in sposa contro la sua volontà a Benvolio Montague. Mentre i due cercano di impedire il matrimonio e la distruzione delle loro famiglie in guerra, una società segreta conosciuta come “The Fiend” tenta di deporre il tormentato Principe Escalus incitando la guerra tra le due famiglie.

House of Cards

La scalata politica di Frank Underwood è paragonabile al Riccardo III di William Shakespeare. Nel dramma, il protagonista viene descritto come un individuo che brama il potere ed è disposto a tutto pur di ottenere l’ambito trono di Inghilterra. Allo stesso tempo, il Frank Underwood interpretato da Kevin Spacey condivide le stesse caratteristiche di Riccardo III. Entrambi sono personaggi machiavellici e senza scrupoli. Unico obbiettivo: avere il potere.

Sons of Anarchy

La trama di Sons of Anarchy è una storia di vendetta e inganno che ha molti tratti in comune con l’Amleto di William Shakespeare. Entrambi i protagonisti hanno perso il padre e sono costretti a vivere sotto l’occhio vigile del loro patrigno/zio assetato di potere. Jax Teller è il presidente di un gruppo di motociclisti, così come Amleto è il Re di Danimarca. In entrambii casi, si analizzano i rapporti umani nella loro complessità.

Empire

Definita “il Re Lear dell’hip-hop”, Empire presenta una trama che ricorda l’opera shakesperiana. Lucious Lyon è un ex criminale diventato un imprenditore di successo a capo dell’etichetta cinematografica Empire Entertainment. Proprio come Re Lear, anche Lucius deve dividere il suo impero tra i suoi tre figli. Tra alleanze, tradimenti e intrighi familiari, il tocco tragico di Shakespeare è servito.

Breaking Bad

La storia del mite professore di chimica Walter White e la sua caduta verso il lato oscuro è una rappresentazione moderna del MacBeth di Shakespeare. Sia in Breaking Bad che nel dramma teatrale, si evidenziano i catastrofici effetti fisici e psicologici della ricerca del potere per il proprio interesse personale; in entrambi i casi, il risultato di tale condotta è un insieme inesorabile di errori dai quali non si può più tornare indietro.

Romeo e Giulietta

Anche l’Italia vuole la sua parte. Nel 2014, Lux Vide ha prodotto Romeo e Giulietta, miniserie in due puntate proposte su Canale 5. Si tratta di un adattamento rivolto ad un pubblico giovane con Alessandra Mastronardi ed Martiño Rivas, nei ruoli dei due innamorati. Cambia l’ambientazione, ma la storia rimane la stessa: dal Rinascimento al Medioevo, e da Verona in Trentino, i Montecchi e i Capuleti sono due famiglie da sempre in guerra. I figli delle rispettive famiglie si innamorano, dando origine a una storia appassionata che finirà in tragedia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.