Da oggi 15 aprile il bonus 600 euro INPS: SMS o mail in arrivo

Confermati i primi accrediti per il bonus: gli alert in arrivo sul metodo di contatto prescelto

45
CONDIVISIONI

Il bonus 600 euro INPS è in pagamento, proprio a partire da oggi 15 aprile. L’inizio degli accrediti era stato annunciato anche nei giorni scorsi dal Governo ma ora è ora realtà pure confermata dall’ente previdenziale.

Come visibile nel cinguettio posto al termine di questo articolo, c’è la conferma ufficiale che in queste ore sono già partiti i pagamenti per il bonus 600 euro INPS. Va ricordato che le relative domande per l’indennizzo previsto dal decreto Cura Italia erano partite lo scorso 1 aprile ma non senza problemi di natura tecnica e pure di sicurezza dei dati personali. Gli errori del recente passato non sembrano invece riguardare questa fase di accredito dell’indennizzo e dunque le procedure sarebbero partite senza, intoppi, come dichiarato.

L’accredito del bonus 600 euro INPS dunque è a partito oggi e dovrebbe risultare effettivo per tutti entro venrdì 17 aprile. Nel giro di 300 euro insomma, tutti i richiedenti dovrebbero vedere l’ambita somma accreditata sul loro conto, senza intoppi. Lo stesso ente previdenziale conferma che un SMS o anche una mail (in base alla tipologia di contatto fornita al momento della domanda) avviserà gli utenti dell’accredito sul proprio telefono appunto. Le prossime ore dunque potrebbero essere decisive già per molti.

Dopo il bonus 600 euro INPS di questo mese di aprile, la stessa tipologia di indennizzo del primo Cura Italia dovrebbe essere prevista pure per il mese di maggio. Saranno interessati sempre i lavoratori autonomi in possesso di partita IVA ma l’importo dovrebbe essere pure maggiorato, dunque non essere più pari a 600 euro ma invece a 800 euro. Le modalità di richiesta dovrebbero essere sempre quelle messe in campo dal sito dell’ente previdenziale, visto il meccanismo oramai già sperimentato ma queste non sono stae ancora comunicate. Nuove circolari in merito al prossimo indennizzo non mancheranno di certo nei prossimi giorni o al massimo un paio di settimane.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.