Grey’s Anatomy 16×21, un finale fortunato ma sempre più medical soap

Grey's Anatomy 16x21 è divenato suo malgrado il finale di stagione a causa del Coronavirus, ma si è rivelato una conclusione efficace

1100
CONDIVISIONI

Nonostante non fosse il finale previsto per questa stagione, Grey’s Anatomy 16×21 è stato un caso piuttosto fortunato, un episodio che si è prestato bene a terminare questo capitolo del medical drama (ormai sempre più medical soap).

Ben tre storyline principali sono giunte al punto di svolta in questo episodio, permettendo al finale di stagione di Grey’s Anatomy di avere una buona dose di plot twist. Evidentemente gli sceneggiatori lo avevano eletto come punto di svolta della stagione per preparare il pubblico al finale di stagione, che sarebbe arrivato solo 4 episodi più tardi, se l’emergenza Coronavirus non avesse imposto lo stop alla produzione.

ATTENZIONE SPOILER!

In Grey’s Anatomy 16×21 il parto di Amelia, il matrimonio improvvisato di Teddy e Owen e la diagnosi della malattia di Richard hanno tenuto banco per tutto l’episodio, con un buon climax che nel finale ha lasciato spazio ad almeno un paio di cliffhanger interessanti.

Il lieto evento della Shepherd non è stato funestato da imprevisti o drammi, come accadde a Meredith con la nascita del suo primo figlio biologico, ma si è rivelato un tenero momento tutto al femminile, condito da ironia sui dolori del parto ma anche solidarietà tra donne, con la Bailey a sostituire Link nel momento fatidico superando così il dolore per la perdita del proprio bambino.

Link è stato chiamato d’urgenza ad operare Richard, dopo che un lampo di genio di DeLuca scopre la diagnosi della patologia di Webber: una protesi all’anca contenente cobalto si è deteriorata nel corpo del paziente procurandogli allucinazioni, vuoti di memoria e un’apparente demenza che tutti avevano qualificato come morbo di Alzheimer. L’operazione non solo salva Richard, ma potrebbe aprire la strada ad un caso medico di portata più grande, perché riguarda tutti i pazienti con quelle stesse protesi. Tutto ciò non sembra aiutare DeLuca a superare la sua crisi emotiva: Meredith si decide a prendersene cura e a trovare una soluzione. Contemporaneamente Richard, una volta sveglio, non solo mostra ottimi valori e una memoria intatta, ma anche l’intenzione di non perdonare Catherine, dopo il loro divorzio turbolento e il mobbing subito proprio da parte della sua ex moglie.

Ma il cliffhanger principale di questo finale di stagione improvvisato riguarda Owen e Teddy: a poche ore dalle nozze, Hunt rimanda tutto dopo aver scoperto il tradimento della futura sposa tramite una nota vocale registrata durante un amplesso con Tom e inviata per errore. Decisamente uno dei momenti che più sposta il registro del medical su quello della soap opera, uno stratagemma da telenovela che inserisce l’ennesimo strappo in una storia, quella tra Owen e Teddy, ormai già ampiamente sfilacciata in un tira e molla tra amicizia e amore durato dieci anni e decisamente venuto a noia.

Nel complesso Grey’s Anatomy 16×21 è stato un buon finale di stagione, soprattutto se si considera che la serie ha rischiato di concludersi con episodi molto più piatti ed inconsistenti dal punto di vista della trama: l’ultimo altrettanto carico di colpi di scena era stato il 19°, con il malore di Richard e la rivelazione di una storia d’amore omosessuale nel passato di Teddy, ma di sicuro non sarebbe stato un episodio da conclusione e ponte verso la prossima stagione.

La showrunner Krista Vernoff ha parlato di “una stupida fortuna” per quanto riguarda l’episodio di Grey’s Anatomy 16×21, l’ultimo che la produzione è riuscita a realizzare prima del lockdown e dunque diventato d’ufficio il finale obbligato: “Quando abbiamo scritto questo episodio ho detto agli sceneggiatori: ‘Ragazzi, questo è come un finale di stagione. Dove andremo a parare dopo questo?’. E così siamo stati fortunati“. Non è chiaro se le idee che sarebbero confluite negli ultimi episodi saranno usate per la prossima stagione, già in sviluppo dal prossimo mese secondo i piani degli sceneggiatori. Inoltre Grey’s Anatomy 17, che dovrebbe debuttare a settembre 2020 negli Stati Uniti, potrebbe trattare l’argomento pandemia. Intanto il finale andrà in onda in Italia lunedì 11 maggio, su FoxLife.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.