L’ennesima morte eroica in Station 19, addio ad un altro personaggio principale tra un incendio e un matrimonio (video)

Nel dodicesimo episodio di Station 19 è andato in onda un nuovo addio, una morte eroica e commovente per la famiglia dei pompieri

2
CONDIVISIONI

C’è stata un’altra morte in Station 19, eroica e spettacolare, ma soprattutto commovente. Lo spin-off di Grey’s Anatomy dedicato ai pompieri di Seattle perde un altro dei suoi volti principali, con un’uscita di scena straziante.

ATTENZIONE SPOILER!

Nell’episodio trasmesso da ABC il 9 maggio, prima del finale della sedicesima stagione di Grey’s Anatomy, Station 19 ha visto morire un membro della famiglia dei pompieri. In senso letterale e figurato.  

L’ex capitano dei vigili del fuoco Pruitt Herrera (Miguel Sandoval), dopo aver rifiutato le cure per la recidiva del suo cancro scontrandosi contro sua figlia per questa decisione, è morto da eroe nel dodicesimo episodio della terza stagione, salvando la sua squadra da un incendio che poteva rivelarsi una strage.

All’inizio dell’episodio Pruitt giocava a carte con i vecchi compagni di caserma mentre l’A-Team rispondeva ad una chiamata d’emergenza per un incendio in una struttura di stoccaggio. Un’operazione apparentemente banale trasformatasi in una potenziale strage quando il luogo è andato in fiamme ed è diventato un labirinto mortale per Andy (Jaina Lee Ortiz), Gibson (Gray Damon), Montgomery (Jay Hayde) ed Emmett (Lachlan Buchanon), rimasti con poco ossigeno all’interno. Sentendo sua figlia ansimare alla radio alla stazione, l’ex capitano ormai in pensione non ci ha pensato due volte a precipitarsi sul posto e a tentare l’impossibile. Respingendo ogni tentativo di Maya (Danielle Savre) di dissuaderlo, Pruitt si è arrampicato sul tetto instabile della struttura per aprire un buco nel tentativo di ventilare l’edificio e dare alla squadra l’ossigeno necessario per uscire. Ma quando il tetto ha ceduto sotto i suoi colpi, Pruitt è stato divorato dalle fiamme. La squadra è riuscita ad uscire ma Andy si è resa conto subito di aver perso il suo amato papà.

Nonostante la sua fosse una morte già attesa per via della malattia, Herrera ha avuto un finale da eroe che lo ha consacrato come uno dei personaggi migliori della serie: anziché lasciarsi divorare dal cancro, ha preferito morire con gli stivali ai piedi impegnato in ciò che amava e che considerava la sua vocazione, seguendo il suo istinto e il suo coraggio che gli hanno permesso di salvare sua figlia e la sua squadra. Un’uscita di scena che rispetta l’identità e la personalità del personaggio, un capofamiglia protettivo, esigente innanzitutto con se stesso, un leader sempre pronto al sacrificio.

Questo ulteriore lutto sarà l’ennesima batosta per la protagonista Andy, che stava superando la perdita del suo grande amico Ryan ma ora deve fare i conti con quella di suo padre. Per fortuna, almeno hanno vissuto insieme il momento delle sue nozze: un flashback, infatti, ha mostrato come il capitano abbia accompagnato sua figlia nel giorno del suo matrimonio con Sullivan, superando i dubbi sulla scelta affrettata della coppia.

Station 19 ha già perso tre volti principali in altrettante stagioni: quella di Herrera arriva infatti dopo le morti di Ryan Tanner (Alberto Frezza), deceduto all’inizio della stagione dopo essere stato colpito al cuore da un proiettile vagante, mentre Lucas Ripley (Brett Tucker) è morto dopo aver inalato sostanze chimiche durante un’operazione.

Ecco la sequenza emozionante che porta alla morte di Pruitt Herrera in Station 19×12: l’episodio sarà trasmesso in Italia, su FoxLife, lunedì 11 maggio in versione originale (il doppiaggio è stato reso impossibile dall’emergenza sanitaria per il Coronavirus). La serie è disponibile anche per gli abbonati ad Amazon Prime Video.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.