Il Commissario Montalbano al cinema, metà incasso andrà allo Spallanzani per il Coronavirus

Sbarca Il Commissario Montalbano al cinema in tre date speciali: il 50% del ricavato degli incassi sarà devoluto allo Spallanzani di Roma, primo ospedale ad avere isolato il Coronavirus

91
CONDIVISIONI

Debutto de Il Commissario Montalbano al cinema: per tre date, 24-25-26 febbraio, la fiction sbarca sul grande schermo con l’episodio Salvo Amato, Livia mia. Per la prima volta, Luca Zingaretti (interprete del protagonista) veste anche i panni del regista, un ruolo che ha abbracciato dopo la scomparsa di Alberto Sironi e Andrea Camilleri.

Il nuovo capitolo di Montalbano è infatti dedicato a loro. Durante la conferenza stampa di presentazione, l’attore romano ha raccontato l’emozione nel dirigere i suoi colleghi, in memoria di Sironi e Camilleri:

La regia è stata una bella esperienza quanto dolorosa. Non c’era giorno in cui non mi chiedevo cosa avrebbe detto Alberto o Andrea. Credo che di mio c’è una melanconia dolce che è lo spirito con cui ho diretto gli ultimi due perché mentre giravamo Andrea era in ospedale. Con Alberto di dicevamo che sarebbe tornato prima della fine delle riprese, ma non è stato così. Ringrazio anche tutti i colleghi. Quando ho preso in mano la regia ho detto ‘se non mi aiutate, non ce la faccio’. 

La trama di Salvo Amato, Livia mia è incentrata sul rapporto amoroso della coppia. Ovviamente ci sarà spazio anche per le indagini, che vedranno il commissario alle prese con l’omicidio di Agata, una grande amica della sua eterna fidanzata. Salvo cercherà di scoprire il colpevole ma come sempre, le indagini si riveleranno alquanto complicate.

View this post on Instagram

IL COMMISSARIO MONTALBANO: PER LA PRIMA VOLTA IN ANTEPRIMA NELLE SALE ITALIANE SOLO IL 24,25,26 FEBBRAIO. "SALVO AMATO, LIVIA MIA", il nuovo episodio della serie più seguita d'Italia che ha come protagonista il personaggio nato dalla penna di Andrea Camilleri, che ha saputo conquistare milioni di lettori in tutto il mondo e oltre un miliardo di spettatori grazie alla Collection Evento Rai. Il nuovo attesissimo episodio diretto da Alberto Sironi e Luca Zingaretti. Interpretato da Luca Zingaretti, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo, Sonia Bergamasco. Tutte le info su www.nexodigital.it @nexo_digital @radiodeejay @rai1official #montalbano #IlCommissarioMontalbano #andreacamilleri #cinema #LucaZingaretti #CesareBocci #PeppinoMazzotta #AngeloRusso #SoniaBergamasco

A post shared by Il Commissario Montalbano (@montalbano_rai) on

Il secondo episodio, intitolato La rete di protezione (tratto dall’omonimo romanzo di Camilleri), è invece molto particolare. Mentre al commissariato si respira un’aria serena, tutta Vigata è in fermento per le riprese di una fiction italo-svedese ambientato negli anni cinquanta. Quando il regista chiede ai cittadini di trovare dei filmini d’epoca, che possano ricreare fedelmente l’atmosfera, l’ingegner Sabatelli fa vedere dei video girati da suo padre, ormai scomparso, a Montalbano. Questi filmini mostrano sempre la stessa inquadratura di un muro. Il commissario si incuriosisce e comincia ad indagare, capendo che dietro queste riprese fisse si cela un fatto di sangue tenuto celato per anni.

Dopo il debutto di Montalbano al cinema, i due nuovi episodi verranno quindi trasmessi su Rai1 rispettivamente il 9 e il 16 marzo 2020. C’è anche un terzo girato, non incluso in questo capitolo narrativo, che andrà in onda il prossimo anno. Si attende un nuovo boom di ascolti.

Per la prima volta, la fiction della rete ammiraglia approda sul grande schermo, a pochi giorni dall’allarme della diffusione in Italia del Coronavirus (che ha colpito principalmente alcuni comuni del Nord). Il produttore Carlo Degli Esposti ha perciò fatto sapere – secondo quanto scrive FanPage.it – che metà dell’incasso nelle sale sarà devoluto allo Spallanzani di Roma (primo ospedale ad aver isolato il virus) e il resto alla onlus Ape, l’associazione pazienti ematologici del Sant’Andrea.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.