Gran sorpresa per il prezzo dei Huawei P40: tanto più basso dei P30?

Tutto merito dei mancati servizi Google se i P40 costeranno di meno appena lanciati?

8
CONDIVISIONI

Più di qualcuno penserà ai Huawei P40 sotto una luce diversa dopo la lettura di questo approfondimento. I top di gamma attesi nel mese di marzo come successori dei Huawei P30, in effetti, potrebbero essere lanciati ad un prezzo molto più competitivo delle ammiraglie del 2019.

A dare la notizia, per meglio dire a fornire l’indiscrezione, ci ha pensato un leaker abbastanza noto nel settore mobile ossia Teme il cui tweet di poche ore fa fa più che riflettere. Secondo l’informatore proprio i Huawei P40 (in ognuna delle sue tre versioni) costeranno molto di meno dei Huawei P30 e P30 Plus. Il motivo? Esattamente come i Huawei Mate 30 questi non potranno avere a bordo i servizi Google ma solo i corrispondenti Huawei Mobile Service, a seguito del perdurante ban USA nei confronti dell’azienda cinese. Quest’ultima, dunque, corre ai ripari e pensa di giocarsi la strategia del prezzo inferiore per ingolosire comunque i potenziali acquirenti.

I Huawei P40 quanto costeranno dunque? Possiamo avanzare solo delle ipotesi come fatto da GizChina, in attesa della futura ufficialità del listino. Il modello base dovrebbe non superare i 599 euro e dunque essere 100 euro più conveniente del precedessore venduto inizialmente a 6999 euro. L’esemplare Huawei P40 Pro poi comporterebbe l’esborso di 799 euro e non 999 euro come il modello 2019 corrispondente. Per finire, lo smartphone premium per eccellenza di questo 2020, il P40 Premium potrebbe non superare la vetta dei 1099 euro.

La strategia di prezzo Huawei potrebbe essere lungimirante? Di certo i top di gamma in questione senza servizi Google a bordo avrebbero ora un appeal in più per i futuri acquirenti. Se pensiamo che per i Samsung Galaxy S20 la cifra da spendere potrebbe essere ben superiore ai 1000 euro, almeno per alcune varianti, i P40 diventerebbero di conseguenza una valida alternativa nella fascia top di gamma Android. Attendiamo dunque conferme.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.