Stop alle ricariche speciali di TIM, Vodafone e Wind da 5 e 10 euro: AGCOM alza la voce

Ci sono delle novità importanti da prendere in esame su una questione che sta facendo molto discutere a fine 2019

15
CONDIVISIONI
TIM

Arrivano segnali importanti in questi giorni che certo non potranno essere ignorati da autentici colossi come TIM, Vodafone e Wind. Come si poteva facilmente immaginare, la questione verte sulle cosiddette ricariche speciali concepite dai tre operatori appena menzionati, con l’intervento di AGCOM che in questo caso non si limita a fare il punto della situazione sul mercato degli operatori di telefonia mobile. A differenza di quanto vi abbiamo riportato poche settimane fa sulle nostre pagine. Vediamo dunque come sta evolvendo la situazione oggi 20 dicembre.

Le accuse per le ricariche speciali di TIM, Vodafone e Wind

Scendendo maggiormente in dettagli, occorre ricordare in primis che le ricariche speciali di TIM, Vodafone e Wind da 5 o 10 euro, sono quelle che prevedono il trasferimento di credito sulla SIM dei clienti inferiore rispetto a quanto è stato pagato. Sostanzialmente, gli utenti si sono visti riconoscere 1 euro in meno rispetto alla ricarica effettuata, in cambio dell’attivazione di alcuni servizi, senza ottenere le relative informazioni nelle tempistiche corrette. In tanti ci hanno visto una mossa poco corretta dietro questa decisione, al punto che le segnalazioni alle autorità si sono susseguite soprattutto nell’ultimo mese.

E così si arriva ad oggi, con la diffida di AGCOM proprio per TIM, Vodafone e Wind. Iniziativa che, di suo, non comporta al momento alcun effetto diretto per gli operatori coinvolti. Se vogliamo, potrebbe essere considerata una sorta di ammonizione restando nel gergo calcistico. Tuttavia, per evitare complicazioni le stesse compagnie telefoniche dovranno assolutamente fare un passo indietro sulla questione delle ricariche speciali.

In sostanza, operatori del calibro di TIM, Vodafone e Wind dovranno dare delle risposte concrete a proposito dalle modalità di disattivazione di tali servizi extra, ma anche sulle procedure necessarie per acquisire il consenso dei clienti. Staremo a vedere come evolveranno le cose in questo senso.

Aggiornamento. Vodafone ci ha contattati, chiarendo che a partire da gennaio 2020 Vodafone reintrodurrà i tagli di ricarica da 5€ e da 10€ con solo traffico telefonico presso i tabaccai, bar, edicole e ricevitorie.

I tagli di ricarica da 5€ e da 10€ con solo traffico telefonico sono sempre rimasti disponibili presso i negozi Vodafone, online e attraverso l’app; ancora, quando è stato lanciato il prodotto Giga Ricarica sono stati inviati SMS informativi a tutti i clienti che avevano effettuato una ricarica nei canali in cui è stato introdotto; infine, contestualmente comunichiamo mensilmente con i canali di vendita in modo che le informazioni sul prodotto siano sempre disponibili

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.