Marco Mengoni ospite di Adriano Celentano per l’ultima puntata di Adrian del 5 dicembre

Marco Mengoni ospite di Adriano Celentano per l'ultima puntata di Adrian su Canale5 il 5 dicembre

112
CONDIVISIONI

Marco Mengoni ospite di Adriano Celentano su Canale5. L’ultima serie di puntate dedicate ad Adrian si chiude con la presenza dell’artista di Ronciglione, che ha condiviso una delle canzoni del suo ultimo disco proprio con il Molleggiato.

Eh sì, perché la voce di Adriano Celentano arriva a sorpresa in La Casa Azul, brano che Marco Mengoni ha voluto dedicare a Frida Kahlo e che porta la firma di Fabio Ilacqua e dallo stesso Marco Mengoni.

L’annuncio della sua presenza sul palco di Adrian è arrivata direttamente dai suoi canali social, nei quali si è detto onorato di essere parte dell’ultima puntata del progetto di Adriano Celentano che si è diviso in due parti.

Le prove sono già iniziate ma ancora non è dato sapere quali brani eseguiranno, anche se c’è da scommettere che potrebbero ragionevolmente eseguire La Casa Azul, per la prima volta dal vivo dopo il rilascio di Atlantico avvenuto il 30 novembre del 2018.

Atlantico on tour (2 CD)
  • Marco mengoni
  • Atlantico on tour

La presenza di Adriano Celentano nel disco non era stata annunciata in precedenza ma è arrivata a sorpresa nel giorno del rilascio dell’album. La sua voce è s’inserisce all’improvviso e sorprende, con un impatto che non era previsto dai primi versi del brano che invece si arricchisce della voce di un artista gigantesco.

Si conclude così il viaggio di Adrian, che era ripreso all’inizio di novembre dopo lo stop di febbraio causato da una brutta influenza che aveva messo ko Adriano Celentano. Gli ascolti della ripresa non sono stati confortanti, nonostante la parata di ospiti che dovevano salvare le sorti del programma che ha previsto la presenza di Adriano Celentano in tutte le puntate.

Le tappe del tour di Marco Mengoni

Marco Mengoni ha invece appena terminato il tour che ha portato in giro per l’Italia a supporto di Atlantico, che ha arricchito con il rilascio del nuovo singolo Duemila Volte. Il brano è contenuto in Atlantico On Tour, raccolta live che ha spedito sul mercato a cominciare dal 25 ottobre scorso e nella quale ha raccolto i brani portati durante la prima parte del tour che ha concluso con la data dell’Unipol Arena di Casalecchio di Reno.

La musica di Atlantico è tornata sul palco anche con la serie di concerti che ha portato in Fuori Atlantico, che ha chiuso con il grande concerto a RisorgiMarche della fine di luglio. Chiuso il tour, Marco Mengoni è quindi pronto a raggiungere il palco di Adriano Celentano per l’ultima puntata del programma e della serie animata.

Lo show sarà trasmesso su Canale5 a cominciare dalle 21,20, subito dopo la consueta puntata di Striscia La Notizia, ma sarà trasmesso anche in streaming sul canale del canale Mediaset Play. Il programma vivrà inoltre sui social attraverso gli hashtag ufficiali che popoleranno le bacheche.

Il testo di La Casa Azul di Marco Mengoni

Il mondo sta sulla punta delle mie dita
Chiuso fra un letto, uno specchio, una gioia labile
Cosa hai dipinto para mí chiquita
Ho mescolato in silenzio colori e lacrime
Ed è un disegno che si confonde già
L’ombra di un segno che mi nasconde ma
Sento la notte che bacia i miei piedi
Anche se non la vedi

Sapessi il rumore che fa

Amare, odiare, lottare viva la vida
Là fuori il Messico urlava bestemmie e favole
Dentro la polvere il sangue della corrida
Il torre scuote la spada dalle sue scapole
Rosa dell’anima chiusa in un’armatura
Com’è che il sole sorride per la paura?
Può la bellezza trascinarci via se l’arte è una bugia
Che dice la verità?Ho disegnato un amore che sembra vero
Una pozzanghera illusa d’essere cielo
Ed una lacrima fine che non si può vedere
Una collana di spine la strada fatta insieme
E la mia schiena bruciare la casa azzurra
La carne, il sangue, le vene della mia guerra
E disertare il cammino chiuso nella mia mano
Tentare un altro destino che vada più lontano

E ad ogni tela un’impronta delle mie dita
Nella mia bocca parole che non si dicono
Lungo la schiena il sudore della salita
L’avresti detto un destino così ridicolo
Come una stella che brilla spenta già
Quanta bellezza che arriva e passerà
Sento la notte che tocca i miei piedi anche se non la vedi
Se taci la senti, shh
Ecco il rumore che fa

Ho disegnato un amore che sembra vero
Una pozzanghera illusa che d’essere cielo
Ed una lacrima fine che non si può vedere
Una collana di spine la strada fatta insiemeLas flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte
Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte

Ho disegnato un amore che sembra vero
Una pozzanghera illusa che d’essere cielo
Ed una lacrima fine che non si può vedere
Una collana di spine la strada fatta insieme
E la mia schiena bruciare la casa azzurra
La carne il sangue le vene della mia guerra
E disertare il cammino chiuso nella mia mano
Tentare un altro destino che vada più lontano

Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte
Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte