The Irishman su Netflix: meglio come serie tv? Martin Scorsese risponde a tono a chi critica la durata del film

La lunga durata di The Irishman su Netflix ha spinto alcuni utenti a guardare il film come se fosse una serie tv: Scorsese non è d'accordo

30
CONDIVISIONI

The Irishman è finalmente disponibile su Netflix. L’ultimo film di Martin Scorsese è un’epopea di quasi quattro ore, adattamento del saggio del 2004 L’irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa (I Heard You Paint Houses) scritto da Charles Brandt e basato sulla vita del sindacalista e mafioso Frank Sheeran. Molti utenti ne hanno criticato l’eccessiva durata, tanto da chiedersi se fosse possibile guardarla a episodi, come una serie tv. Il regista, però, la pensa diversamente.

In un’intervista con Entertainment Weekly, Scorsese ha rifiutato categoricamente la possibilità di trasformare la sua ultima fatica in un prodotto destinato al piccolo schermo.

Potresti dire:” Questa è una lunga storia, puoi interpretarla per due stagioni “. Ho visto qualcuno menzionarlo. Assolutamente no. Non ci ho mai pensato. Perché il punto di questo film è l’accumulo di dettagli. È un effetto cumulativo accumulato entro la fine del film, il che significa che puoi vederlo dall’inizio alla fine [in una volta sola] se proprio vuoi. Una serie è fantastica. È meravigliosa. Puoi sviluppare linee di personaggi, trame e ricreare mondi, ma questo non era giusto per The Irishman.

Scorsese ha inoltre aggiunto che il finale, ambiguo e sconvolgente, non sarebbe mai rientrato nei canoni di uno studio tradizionale. Inoltre, con un budget di più di 140 milioni di dollari, in parti dovuti ai costi per gli effetti visivi di invecchiamento sui protagonisti, Netflix ha deciso di dare al regista il totale controllo creativo. The Irishman è una storia che brucia a fuoco lento, fino al devastante finale – ATTENZIONE SPOILER – in cui Sheeran (interpretato da Robert De Niro) si trova in una casa di riposo, solo, mentre ripensa alla sua vita e cerca di far pace con se stesso e redimersi dai suoi errori. Quando è pronto a confidarsi, a nessuno sembra importare nulla. È un film sulla solitudine e la consapevolezza di aver perso le cose a cui tieni di più, una condanna con cui dovrai convivere per il resto della tua vita.

Se siete propensi a guardare The Irishman come se fosse una serie tv, un utente di Twitter ha realizzato una guida su come fare. Alexander Dunerfors ha diviso il film in quattro episodi, dando un titolo e la durata effettiva a ognuno di loro:

Il primo episodio, del tutto introduttivo, avrebbe il titolo di I Heard You Paint Houses, e terminerebbe nel momento in cui Jimmy Hoffa termina la sua chiamata. Il secondo frammento invece è da considerarsi tale fino alla scena in cui Joey the Blond viene introdotto al pubblico. Il terzo episodio, What Kind of Fish?, secondo l’utente Twitter, si chiuderebbe in un momento cruciale del film (“You’ll know when”, “sapete quando”). La conclusione di The Irishman partirebbe dal minuto 2:47:30 fino alla fine.

Il tweet di Alexander Dunerfors è diventato così popolare sul social network che l’utente ha annunciato la sua prossima sfida: trasformare il kolossal Ben Hur in una miniserie.

Al di là della durata, The Irishman è il film definitivo di Martin Scorsese che potrebbe portare lui e i suoi protagonisti (De Niro, Al Pacino e Joe Pesci) verso l’ambiziosa notte degli Oscar.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.