Vasco Rossi torna al cinema dopo il successo del music film sui concerti

Dopo il successo dei primi giorni, Vasco Rossi torna al cinema per altre date

3
CONDIVISIONI

Vasco Rossi torna al cinema dopo il grande successo dei primi giorni. Il Blasco sarà ancora nelle sale con il music film di Pepsy Romanoff nelle date del 10 e 11 dicembre, con biglietti in prevendita presso i botteghini dei cinema che ospitano la pellicola nelle giornate aggiuntive.

Il Kom supera quindi se stesso con le vendite dei biglietti del film e torna ancora in sala per altri due giorni, così da accontentare un numero ancora maggiore di fan. Nella pellicola, sono raccolti i momenti più importanti dei live che ha tenuto nel corso del 2018 e del 2019.

“Volevo far vedere delle stanze del mondo di Vasco Rossi che nessuno aveva mai visto. Volevo guardare al processo creativo che c’è dietro la costruzione della scaletta di un concerto e come si genera tutta quella meraviglia che arriva dopo. Inquadrare l’uomo Rossi prima ancora che la rockstar Vasco”.

Il film anticipa il cofanetto che sta per rilasciare e nel quale ha incluso i brani che ha portato in concerto allo Stadio San Siro di Milano, nelle 6 date che ha tenuto nel mese di giugno e che hanno preceduto le date in Sardegna , all’Arena Fiera di Cagliari.

Nota anche la tracklist del nuovo album, dalla quale non mancano i successi portati sul palco e il penultimo singolo, La Verità, che ha raggiunto il mercato a cominciare dal mese di novembre 2018. L’ultimo singolo è invece del 25 ottobre scorso e sarà sicuramente compreso nella tracklist che il Blasco concepirà per i concerti nei festival che terrà secondo il calendario che segue.

Le date dei concerti di Vasco Rossi

10 GIUGNO – FIRENZE ROCKS – VISARNO ARENA
15 GIUGNO – I-DAYS 2020 – MIND Milano Innovation District (area expo)
19 GIUGNO – ROCK IN ROMA – CIRCO MASSIMO
20 GIUGNO – ROCK IN ROMA – CIRCO MASSIMO
26 GIUGNO – IMOLA – AUTODROMO INTERNAZIONALE ENZO E DINO FERRARI

Nei giorni scorsi, Vasco Rossi ha anche fatto alcune dichiarazioni che riguardano la malattia che ha dovuto affrontare nel 2011, raccontando il lungo percorso che ha dovuto affrontare per tornare sul palco.

“Se guardo indietro vedo l’incontro traumatico con il reale della sofferenza e il lento e duro lavoro su me stesso per tornare sul palco. Il cambio di prospettiva dello sguardo su tutto quello che mi sono ritrovato intorno. Adesso le consapevolezze, che non consolano, sono decisamente aumentate”.

Gli anni 2010 sono anche quelli di Modena Park, evento storico della sua carriera che ha raccolto 220000 spettatori paganti nei pressi del palco dell’ultimo concerto seguito da Guido Elmi. Il music film di Modena Park è approdato a qualche mese dal concerto e conta sulla regia di Pepsy Romanoff, ormai al fianco di Vasco Rossi da molti anni.

Vasco Rossi si è anche soffermato a parlare della politica, troppo basata sulla paura che si riversa poi in un paese meraviglioso come l’Italia. Queste le sue parole nella recente intervista a Corriere della Sera:

“Mi dispiace che il nostro meraviglioso Paese sia così preda di rabbie e paure alimentate da politici irresponsabili in cerca di consenso e potere. Direi che da Obama a Trump è stata una bella caduta di tutto: stile, tono e sostanza. Una esplosione di ignoranza, egoismo e qualunquismo che non mi aspettavo. Un preoccupante ritorno al passato. Forse è questa la vera faccia dell’America. Penso che Trump rappresenti bene il lato oscuro, oscurantista, egoista, bigotto e arrogante degli Stati Uniti”.

Intanto Vasco Rossi è appena tornato in studio, a Los Angeles, per concepire nuova musica della quale non ha ancora parlato. Potrebbe trattarsi di un nuovo singolo, dal momento che ha escluso di tornare con un progetto concepito sulla lunga distanza come un disco.

Vasco è inoltre tornato in radio con il singolo che ha scritto per Emma Marrone, Io Sono Bella, in collaborazione con Gaetano Curreri, Piero Romitelli e Gerardo Pulli. Il brano fa parte del nuovo album dell’artista salentina, Fortuna, che porterà nell’evento speciale del 25 maggio all’Arena di Verona e in tour nei palasport.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.