Immancabili i primi problemi sul 5G per Iliad: gli ultimi rifiuti oggi 9 ottobre

Informazioni utili per la compagnia telefonica, in attesa di ulteriori sviluppi su un tema molto delicato

15
CONDIVISIONI

Arrivano notizie positive e negative per Iliad per quanto riguarda la questione delle antenne, da mesi tema assai delicato per quanto riguarda l’operatore francese nel nostro Paese. Nello specifico, oggi 9 ottobre tocca concentrarsi nuovamente sulla questione Montesilvano, nei pressi di Pescara. Perché se da un lato c’è uno sviluppo incoraggiante a proposito di alcune antenne che sembravano seriamente in discussione rispetto al nostro ultimo articolo sul tema, allo stesso tempo c’è un altro “no” da prendere in esame.

Stando a quanto riportato da Universo Free, più in particolare, alla luce delle ultime novità legislative il Consiglio Comunale di Montesilvano alla fine ha dovuto necessariamente concedere ad iliad l’installazione delle quattro antenne che erano previste sul territorio e dal piano della compagnia telefonica, nonostante le proteste dei cittadini. Allo stesso tempo, però, la compagnia telefonica nell’ambito di una sorta di compromesso raggiunto finirà per spostare quelle previste in luoghi più sensibili. Insomma, non ci saranno nuove antenne nei pressi di scuole o in ambienti frequentati da bambini.

I primi problemi per il 5G in casa Iliad

La cattiva notizia, invece, riguarda la questione del 5G, per forza di cose tra quelle prioritarie. Sempre a Montesilvano, infatti, è stato innalzato un muro sotto questo punto di vista per Iliad, anche se al momento non è ancora chiaro per quanto tempo si possa andare avanti in questo modo. Insomma, l’operatore sembra avere il coltello dalla parte del manico, ma a tal proposito sarà molto importante osservare l’evoluzione della storia nello scorcio finale del 2019.

Che ne pensate del clima che si respira attorno a Iliad? Le diverse realtà locali stanno assumendo un approccio differente nei confronti di questo nuovo operatore, o è tutto nella norma? Diteci la vostra con un commento qui di seguito, in attesa di ulteriori sviluppi in questo senso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.