Da Acireale a Catania, il concerto di Fabrizio Moro si sposta e raddoppia

Due date al Metropolitan di Catania al posto dell'evento al Pal'Art di Acireale

2
CONDIVISIONI

Fabrizio Moro spiega ai fan cosa sta succedendo. Nelle scorse ore è giunto un comunicato ufficiale a proposito dello spostamento della data in programma ad Acireale (Pal’Art Hotel) nella città di Catania.
Il palazzetto scelto per l’evento, infatti, potrebbe risultare inagibile ma in assenza di interventi da parte del Comune non è ancora noto il suo destino.

Fabrizio Moro, allora, per evitare di dover annullare lo spettacolo, accoglie la richiesta del promoter e sdoppia il concerto per spostarlo al Metropolitan di Catania. La tappa siciliana della sua tournée, quindi, resta. L’evento si sposta però da Acireale a Catania. Inoltre le date diventano 2: il 7 e l’11 novembre.

Dopo le comunicazioni ufficiali è Fabrizio Moro stesso a realizzare video per spiegare la situazione sui social a tutti coloro già in possesso dei biglietti per lo spettacolo.

“Ci tengo a chiarire la situazione con voi, purtroppo non è possibile svolgere il concerto ad Acireale perché la condizione del Palazzetto non ci consente di stare tranquilli e svolgere il concerto nel modo migliore e come avevamo previsto”, scrive.
“Per evitare di cancellare il concerto lo faremo in ben due date, il 7 e 11 novembre al Metropolitan di Catania!”, comunica.

C’è chi ha prenotato voli per assistere al suo spettacolo e il cambiamento della location causerà qualche problema organizzativo ai fan ma purtroppo non c’è altro che possa fare Fabrizio Moro. Anche lui subisce la possibile inagibilità del palazzetto, già denunciata in rete e sui social. Il Comune al momento non ha adottato alcuna misura atta a consentire il regolare svolgimento degli eventi già in programma. Il concerto di Fabrizio Moro, per sicurezza, viene spostato al Teatro Metropolitan di Catania nelle date del 7 e dell’11 novembre.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.