C’è ancora Android nel futuro di Huawei: Harmony OS non ancora pronto

Ren Zhengfei non ha dubbi: Harmony OS non è ancora pronto per debuttare sugli smartphone

9
CONDIVISIONI

Richard Yu, CEO di Huawei, aveva preannunciato che Harmony OS, il sistema operativo proprietario, sarebbe potuto arrivare con i P40, attesi per la primavera 2020 (sempre che le cose con il governo USA non fossero migliorate). Eppure, stando a quanto riportato da ‘gizchina.com‘, l’OS non sarebbe pronto per debuttare a bordo degli smartphone, processo che richiede tempo e fatica, un po’ come successo con Android, supportato anche da sviluppatori terzi ed ottimizzato sulla base dei feedback ricevuti dagli utenti (un lavoro durato anni, e sempre in corso d’opera).

Ren Zhengfei, fondatore e presidente della multinazionale cinese, lo ha ammesso candidamente, senza troppi giri di parole. Questo spiegherebbe il passaggio intermedio, cui ne seguiranno anche altri, dei Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro, che saranno equipaggiati con Android, ma al netto dei servizi Google per via della mancata licenza d’utilizzo da parte dell’OEM. Harmony OS dovrebbe essere la soluzione al problema, ma non nel breve periodo. Non si può pensare che il sistema operativo proprietario bruci le tappe in questo modo, andando ad equipaggiare gli smartphone del colosso cinese frettolosamente, e magari causando parecchi disagi.

Harmony OS, al momento, si rivolge per lo più alla gestione del controllo industriale, ed è ancora poco incline a configurarsi come un ecosistema completo del segmento smartphone. Non sappiamo se la soluzione sarà pronta in tempo per il lancio dei Huawei P40, né tanto meno se alla fine dei conti l’OEM ed il governo USA possano trovare un punto d’incontro in grado di soddisfare tutti (sarà difficile, essendo il produttore di Shenzen considerato una minaccia per la sicurezza nazionale). Al momento si naviga ancora in alto mare, ma cercheremo di fare luce sulla vicenda non appena ce ne sarà l’opportunità. Potete farci tutte le domande del caso attraverso il box qui sotto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.