Ci siamo per il Huawei Mate X? Dichiarazioni ufficiali su data uscita

Lancio del device davvero ad un passo, due versioni con processori più e meno recenti

12
CONDIVISIONI

Il Huawei Mate X sarà presto realtà? Sarà che lo smartphone pieghevole concorrente Samsung Galaxy Fold è sbarcato ieri in Corea e nel corso di questo mese arriverà prima in Europa e poi negli Stati Uniti, ma in effetti i tempi di rilascio del rivoluzionario hardware dovrebbero essere finalmente definiti, una volta e per tutte.

Nel corso dell’IFA 2019, in pieno svolgimento a Berlino, i vertici dell’azienda cinese hanno parlato anche della prossima uscita del Huawei Mate X. Questo uscirà in due varianti, una con il nuovissimo processore Kirin 990 e l’altra con la soluzione hardware meno recente rappresentata dal Kirin 980. La prima dovrebbe dunque essere una soluzione 5G, la seconda solo 4G, destinata magari a mercati dove la nuova tecnologia di trasmissione dati non si è ancora abbondantemente diffusa.

A parte le coordinate tecniche del Huawei Mate X, cosa è stato rivelato di nuovo in merito all’uscita del Huawei Mate X nel corso dell’IFA? Richard Yu, CEO di Huawei Consumer Business Group, ha dichiarato che la prima intenzione sarebbe stata quella di lanciare il dispositivo nel mese di agosto. Poi è stato pianificato un ulteriore rinvio, sembra proprio l’ennesimo della serie, e il lancio commerciale dovrebbe oramai essere certo per il mese di ottobre, dunque fra qualche settimana.

In riferimento ai cambiamenti tecnici apportati durante il lungo periodo di verifica dello smartphone pieghevole, sono stati confermati gli interventi sulla sezione della cerniera del dispositivo, quella che consente la piegatura del display. Questi ultimi, ora, dovrebbero garantire maggiore resistenza contro l’usura di tutti i giorni. Lato esperienza software invece, non c’è dubbio che il nuovissimo Huawei Mate X sarà lanciato con a bordo Android 10 e dunque EMUI 10. Sarebbe alquanto controproducente pensare ad un lancio con EMUI 9.1 e di conseguenza Android 9 Pie, decisamente anacronistico per un device così all’avanguardia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.