Reboot di Dawson’s Creek in cantiere? Kevin Williamson ammette: “Ne abbiamo parlato”

Un reboot di Dawson's Creek è davvero possibile? Il suo creatore ha le idee ben chiare su questa possibilità

43
CONDIVISIONI

Nell’era dei reboot, delle reunion e dei revival perché per Dawson’s Creek dovrebbe andare diversamente?  Il teen drama è diventato un fenonemo cult con l’andare del tempo e tornare indietro per ottenere qualcosa che potrebbe rovinare tutto non è nei pensieri dei fan, almeno non in tutti, ma cosa ne pensano i suoi creatori? La risposta arriva dai TCA estivi ai quali proprio ieri ha preso parte Kevin Williamson per parlare della seconda stagione di Tell Me a Story.

Proprio la stampa presente ha chiesto ieri a Kevin Williamson se un revival o un reboot dela serie siano nei suoi progetti e la risposta di sicuro non ha lasciato spazio a dubbi, almeno non per ora:

“Continuiamo a parlarne, ma … per ora non è nemmeno in cantiere. Ne abbiamo parlato ma non abbiamo trovato un motivo per farlo. Abbiamo delle idee e ci abbiamo pensato, ma no”.

Per il momento sembra che Dawson’s Creek non riceverà il trattamento di altre serie cult anni ’90 che sono tornate sugli schermi (vedi Will & Grace) o stanno per farlo (vedi Beverly Hills 90210). Quello dei reboot di serie cult è sempre un terreno minato per via di uno zoccolo duro di fedelissimi pronti a punire ogni tipo di errore proprio come è stato per la nuova Charmed bocciata proprio perché paragonata alla serie originale.

Per adesso i fan dovranno accontentarsi solo della reunion immortalata da EW qualche mese fa in cui tutti gli attori storici della serie si sono prestati ad una serie di foto per un servizio fotografico che ha fatto sognare il pubblico della serie. Davvero un giorno i tempi saranno maturi per rivedere una serie come Dawson’s Creek? Siamo sicuri che lo show è stato lo specchio di una gioventù e di un momento storico che non si ripeterà e che non sarà credibile in futuro.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.