L’accorato consiglio di Federico Zampaglione ai genitori dei rapper gasati: “Spiegate loro che la musica è una cosa seria”

Arriva il consiglio di Federico Zampaglione ai genitori dei rapper convinti di avere un successo facile

5
CONDIVISIONI

Tempo d’estate, tempo di musica ma anche del consiglio di Federico Zampaglione ai genitori dei rapper.

Il leader dei Tiromancino, che è solito guardarsi intorno, ha deciso di esprimersi sulla sua pagina Facebook ufficiale, nella quale ha spiegato i motivi per i quali i genitori delle nuove leve del rap e della trap dovrebbero intervenire per spiegare ai loro figli che, quello nella musica, è un lavoro da prendere seriamente.

Ciò che sorprende Zampaglione è soprattutto l’atteggiamento di alcuni dei rapper o trapper, che si presenterebbero con aria di superiorità e “griffato pure sui lacci delle scarpe”.

Il consiglio di Federico Zampaglione è però rivolto ai genitori di rapper e trapper, ai quali il leader dei Tiromancino spiega i motivi per i quali dovrebbero fermare la deriva dei loro figli, spesso portatori di messaggi sbagliati.

“Mi permetto di dare il mio umile e sincero consiglio ai genitori di questi ragazzi, qualora ne avessi tra gli amici di questa pagina: tentate in ogni modo di far capire ai vostri figli che la musica è una cosa seria e va vissuta con impegno e rispetto, va amata e studiata e non basta attaccarsi un autotune alla voce o tagliarsi i capelli a chiazze gialle e rosa per farne un mestiere di cui vivere negli anni. 
Altrimenti quando tra pochi mesi dovrete spiegargli come mai nessuno si ricorda chi siano e sarete anche costretti a spendere migliaia di euro per psicologi nel duro tentativo di recuperare i danni psicologici provocati da un successo lampo e fake…”

E aggiunge:

“Ve lo dice uno che sta sulla scena da trent’anni e ne ha viste un mare di queste storie senza un lieto fine”.

Non è questa la prima volta che Federico Zampaglione si esprime in merito all’operato di un rapper. La sua ultima volta risale a qualche mese fa, a ridosso del rilascio dell’album di Fedez, sottolineando come la musica fosse un mestiere differente rispetto a quello svolto sui social e, in particolare, su Instagram.

In quell’occasione, Federico Zampaglione scrisse:

“Mi viene da ridere leggendo recensioni su recensioni che stroncano l’ ex idolo (clown) di turno… Quando da Instagram devi portare le tue chiappe in uno studio e registrare musica e parole… CONVINCENTI… è tutta un’ altra storia e qualcuno lo sta capendo bene”.

Fedez non si fece pregare e rispose per le rime.

“Anche a me viene da ridere pensa un po’. Quindi, per essere veri artisti, devo fare tweet dove elargisco sentenze sui dischi degli altri? Meglio essere un clown, c’è più dignità”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.