Tabella ufficiale di marcia per il sistema operativo Huawei, solo il 2020 cruciale

Andrew Williamson di Huawei parla prima del lancio cinese e poi di quello occidentale, i tempi

39
CONDIVISIONI

Impossibile non tornare a parlare di sistema operativo Huawei anche quest’oggi 14 aprile. Dopo le tante indiscrezioni ufficiose dei giorni scorsi, giunge a fare chiarezza sulla questione la dichiarazione di un referente interno all’azienda. Si tratta di Andrew Williamson, vice presidente agli affari pubblici e alle comunicazioni di Huawei: quest’ultimo ha fornito una vera e propria tabella di marcia per l’OS proprietario, distinta per aree geografiche del globo.

Come riportato anche su Huawei Central, Williamson ha confermato che, “presumibilmente”, il sistema operativo Huawei verrò lanciato. Dalle sue parole appare evidente come la scelta sia più che forzata. Il referente ha dichiarato che l’azienda è felice di far parte dell’ecosistema Android e valuterà l’alternativa solo per necessità.

Ma davvero il sistema operativo Huawei è in fase di test così avanzata? Sempre Willliamson ha parlato di sperimentazioni in corso ma solo in Cina. Sempre riferendosi alla madrepatria del produttore, ha parlato di possibile lancio dell’OS entro i confini specifici nel quarto trimestre del 2019, dunque tra i mesi di ottobre e dicembre.

Cosa dire invece del resto del mondo? Anche in questo caso la scelta di distribuire un proprio OS sarà dettata da contingenze esterne e dunque dalle eventuali politiche e restrizioni del governo USA. Ebbene, nell’ipotesi di forzato abbandono dell’ecosistema Android, il prodotto software sarà pronto globalmente solo in un secondo momento, ossia tra il primo e il secondo trimestre 2020.

Appare evidente come sia chiaro il tentativo di testare il sistema operativo Huawei proprietario prima “in casa” e poi nel resto del mondo. La distribuzione sui device in Cina, come raccontato anche ieri, potrebbe avvenire già in ottobre ma su dispositivi magari regionali o comunque loro versioni prettamente asiatiche. La nuova serie Huawei Mate 30 pure attesa per l’autunno dovrebbe ancora non usufruire dell’OS in questione. In quest’ultimo campo non ci sono certezze ma solo indiscrezioni che potrebbero pure essere confutate nel giro di poco tempo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.