Spiazza la patch B151 per Huawei P20 Lite TIM a giugno, ma niente EMUI 9.1

Risvolti interessanti per una versione dello smartphone più diffusa di quanto si possa immaginare

8
CONDIVISIONI

Giungono in queste ore alcune informazioni importanti per tutti coloro che hanno deciso di acquistare un Huawei P20 Lite TIM. Di recente, infatti, vi abbiamo riportato il feedback della compagnia telefonica, secondo cui la distribuzione del tanto atteso aggiornamento con EMUI 9.1 ci sarebbe stata tra la fine di giugno e l’inizio del mese di luglio. Nel frattempo, però, lo sviluppo software dello smartphone non si è arrestato e in Italia viene ora segnalata la patch B151.

Scendendo maggiormente in dettagli, emerge che l’aggiornamento in questione porti con sé la patch per la sicurezza di maggio. Attenzione però, perché pur essendo fermi ancora ad Android Oreo, qui si parla di un firmware dal peso pari ad oltre 500 MB. Insomma, non è il classico upgrade secondario che migliora leggermente le prestazioni e, appunto, gli standard di sicurezza del dispositivo. Il changelog trapelato proprio in queste ore, a tal proposito, è abbastanza chiaro e va esaminato con grande attenzione da coloro che dispongono di un Huawei P20 Lite TIM.

In primo luogo, pare sia stata aggiunta la funzione di Emergenza SOS, da attivare premendo per cinque volte il tasto di accensione. In questo modo invieremo ai nostri contatti le coordinate di latitudine e longitudine dello smartphone. Sul fronte fotocamera, invece, tramite l’aggiornamento in questione per Huawei P20 Lite, ci viene detto che lo schermo non si spegnerà fino al momento in cui non verrà riconosciuta la presenza del volto nel mirino.

Ulteriori dettagli verranno alla luce nel corso dei prossimi giorni, ma per ora ci sono indubbiamente presupposti interessanti per l’aggiornamento B151 a bordo di Huawei P20 Lite TIM. Che ve ne pare? Avete già ricevuto la notifica per installare via OTA? Fateci sapere cosa avete riscontrato dopo il download.

Commenti (1):

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.