Tom Morello e Matthew Bellamy in una gara di solo sul palco dei Muse (video)

La band di Unintended arriverà in Italia a luglio con date a Milano e Roma

Tom Morello e Matthew Bellamy si sono “fronteggiati” (le virgolette sono d’obbligo) durante un concerto dei Muse all’Etihad Stadium di Manchester. Il retroscena è una storia di attestazioni di stima e liuteria, in quanto il frontman della band di New born è divenuto da poco azionista di maggioranza della liuteria Mason, e ha voluto rendere omaggio a Morello regalandogli una chitarra personalizzata.

Durante lo show dei Muse Matthew Bellamy ha annunciato l’arrivo di Morello sul palco, e lo storico chitarrista ha mitragliato il pubblico con il suo scratch che ha reso grandi i Rage Against The Machine con l’impiego dello slide e della sua inseparabile pedaliera. Bellamy gli stava di fronte in uno stato di adorazione, e accompagnava il suo solo con accordi e sorrisi. Abbandonato lo slide, Tom Morello ha improvvisato scale amplificate con l’effetto del delay, per poi concludere l’esibizione e ricevere l’abbraccio di Bellamy.

La jam session tra Tom Morello e Matthew Bellamy non è l’unico evento di quest’anno: solo pochi mesi fa l’ex chitarrista degli Audioslave ha raggiunto sul palco i The Struts di Luke Spiller per un featuring in cui veniva reso tributo alla storica Dancing in the dark di Bruce Springsteen, con uno special in cui il musicista e attivista statunitense si lasciava andare in una sua intensa manifestazione di talento.

I Muse arriveranno in Italia per tre date del Simulation Theory Tour: il 12 e il 13 luglio saranno allo Stadio Meazza di Milano, mentre il 20 luglio suoneranno all’Olimpico di Roma. Tom Morello e Matthew Bellamy godono di stima reciproca, e soprattutto quest’ultimo ha definito il primo una leggenda della chitarra e una grande fonte di ispirazione, e lo ha dichiarato in un’immagine postata su Instagram nella quale si mostra insieme all’amico e collega che imbraccia la chitarra con la scritta “Power to the people”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.