Poco digeribili le doppie rimodulazioni Wind in un unico SMS: tutti gli aumenti dal 16 giugno

Campagna informativa nel vivo oggi 23 maggio, cosa cambierà per i clienti fra poche settimane

12
CONDIVISIONI

La giornata di oggi 23 maggio si apre con una brutta sopresa per non pochi italiani: le rimodulazioni Wind di fine primavera/inizio estate cominciano ad essere notificate via SMS ai diretti interessati e parliamo in pratica della totalità  dei clienti ricaricabili legati all’operatore. Come riportato già sulle pagine di OM solo una decina di giorni fa, gli aumenti erano pronti su ben due fronti e di fatto non possiamo che commentare in queste ore proprio la specifica comunicazione giunta in merito.

Come visibile nel testo del messaggio giunto anche su una SIM di redazione, la comunicazione ufficiale presenta tre punti chiave: prima di tutto, senza mezzi termini, nell’introdurre le rimodulazioni Wind fa riferimento alla modifica unilaterale del contratto: successivamente invece si scende nel dettaglio dei due cambiamenti. Il primo riguarda il rinnovo dell’offerta quando il credito è insufficiente e dunque la disponibilità (per ulteriori due giorni) di traffico voce e di connessione internet senza limiti ma al costo di 0,99 euro. Ancora, i piani tariffari del vettore con internet illimitato alla velocità ridotta di  128k anche dopo l’esaurimento dei giga mensili (praticamente la maggior parte di quelli proposti dal vettore) verranno maggiorati, proprio per questo surplus, di 1.49 euro. Mica poco naturalmente: coloro che vorranno evitare il rincaro specifico dovranno inviare la stringa “G2” al numero 40400 ma dovranno pure stare molto attenti alle loro abitudini di navigazione. In caso di pacchetto dati appunto non più disponibile alla fine del mese, per ogni giorno di utilizzo del servizio si otterrà un 1 GB di connessione ma al costo di 0.99 euro.

Non c’è dubbio che quelle che di fatto possiamo identificare come doppie rimodulazioni Wind spaventeranno non pochi clienti. L’unica arma a loro disposizione sarà di certo il recesso dal contratto fino al giorno 15 giugno, senza costi e senza penali. Tutte le modalità attive per l’operazioni sono presenti direttamente sul sito del vettore, nella pagina dedicata alla modifica unilaterale del contratto appena annunciata.

Dal 26/05/19 la tua offerta si rinnova a 8,12 E.Modifiche contratto dal rinnovo dopo il 16/6: 1) cambiano le Cond.Gen. di Contratto; 2) se al rinnovo il credito e’ insufficiente il traffico della tua offerta sara’ disponibile in anticipo per 2gg al costo di 0,99E; 3) il servizio internet illimitato a 128k al termine dei GB inclusi costera’ 1,49E/mese o puoi tenere offerta e prezzo attuali inviando G2 al 40400 ma se finisci i GB per ogni giorno di utilizzo avrai 1GB extra al costo di 0,99E.Recesso senza costi da web,RaccA/R,PEC,155,negozi o cambio operatore fino al giorno prima della variazione.Dettagli su wind.it/az5x

Commenti (4):

leon

Dovrebbe essere così. Anche Vodafone aveva inviato tempo fa una modifica tariffaria con tono assiomatico. Poi, il negozio stesso ha confermato, quasi scusandosi, che non comporta nessun cambiamento di contratto. Il contratto è una cosa ed è intoccabile. L’offerta si aggiunge e la si può togliere in qualunque momento.

patty

Hanno detto anche a me che bisogna inviare un SMS al 40400 con scritto G1 per la tariffa 0,99E oppure G2 per la tariffa 1,49E.

Marco

Se ti è arrivata la modifica di contratto da 0,99E, devi inviare un SMS al 40400 con scritto G1. Se ti è arrivata la modifica di contratto da 1,49E, devi inviare un SMS al 40400 con scritto G2. Comunque, il negozio Wind mi ha detto che la nuova offerta la si può cambiare anche dopo la scadenza. Perchè le offerte non possono cambiare “per sempre” il contratto iniziale. Si può sempre recedere.

luppi paola

voglio rimanere con la offerta che ho.utilizzo poco internet e non mi interessa internet illimitato.non riesco a contattare 155 quindi chiedo gentilmente di contattarmi voi.cell.3331225284

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.